Le false promesse dell’Italia di uscire dal carbone

Italia fuori dal carbone è ancora un traguardo molto, troppo lontano, soprattutto nei fatti. A rilevarlo una video inchiesta intitolata “L’anima nera dell’Italia” prodotta da Re:Common in occasione del G7 di Taormina e con cui denuncia quanto Governo, Enel e A2A siano ancora strettamente legate al carbone, sia in casa sia fuori casa.

Nel cortometraggio i registi Stefano Martone, Fosco D’Amelio e Mario Martone tracciano la recente storia del carbone in Italia dalla centrale di Vado Ligure a quella di Brindisi Nord, ferma da quattro anni, per arrivare a quella di Brindisi Sud, ancora in funzione con tutte le sue emissioni altamente inquinanti.

Ma i proclami di uscire dal carbone valgono solo per l’Italia? Sembrerebbe di sì. Le compagnie infatti puntano a esportare le tecnologie all’estero. In primis A2A che mira a trovare facili guadagni in Montenegro gestendo investimenti in centrali a carbone in collaborazione con la società elettrica locale. Anche Enel, che possiede la società energetica spagnola Endesa, in spagna viaggia prevalentemente a carbone.

Fonte: Lifegate

Data: Giugno 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
ambientecarbonecombustibili fossilivideo

Articoli correlati

Quali sono le compagnie petrolifere maggiormente responsabili del cambiamento climatico?

83 su 90 delle società che hanno causato il cambiamento climatico operano nel settore dei combustibili fossili (petrolifero, gas e carbone)

Christiana Figueres (UNFCCC): non c’è spazio per nuovo carbone

Non è un mistero che a livello dei colloqui internazionali sul clima l’Australia siano uno di quei Paesi più propenso al

Referendum Trivelle: le ragioni del Sì, le ragioni del No. Votare informati

Il dibattito sul cosiddetto “referendum anti-trivelle” si è caricato, in queste settimane, di significati politici e simbolici che vanno al