Le prime vittime del cambiamento climatico sono le meno colpevoli

Le prime vittime del cambiamento climatico sono le meno colpevoli

L’Internal Displacement Monitoring Centre (IDMC) nel settembre 2014 ha pubblicato un rapporto secondo cui nel 2013 sono state 20,6 milioni le persone state sfollate a causa di eventi meteorologici estremi. Una cifra pari a quasi tre volte il numero dei rifugiati legati a conflitti in atto.

La prima causa di delocalizzazione globale ora è il cambiamento climatico, tuttavia ancora non esiste un riconoscimento internazionale per lo stato di “rifugiati del cambiamento climatico”, e non esistono nemmeno polizze assicurative per loro. Sono persone che vivono nell’ombra dei media internazionali, e spesso non godono nemmeno di assistenza nei loro paesi d’origine.

Fonte: The Guardian

Data: Novembre 2014

Leggi l’articolo

 


Tags assigned to this article:
cambiamento climatico

Articoli correlati

Negli Usa, il solare produce più posti di lavoro del petrolio

Per la prima volta nel 2015, gli occupati del settore fotovoltaico degli Stati Uniti – cresciuti per il terzo anno

Le barriere coralline minacciate dai combustibili fossili

Oggi è una certezza, i combustibili fossili sono la causa principale dello sbancamento delle barriere coralline. Per anni, si è

Dal satellite la conferma che l’inquinamento in India è peggiore di quello in Cina

Per la prima volta in questo secolo, le persone che vivono in India stanno respirando aria più tossica delle persone