Le rinnovabili stanno spingendo fuori mercato il carbone

Le rinnovabili stanno spingendo fuori mercato il carbone

Le fonti rinnovabili stanno spingendo fuori mercato le centrali a carbone e quelle a gas naturale. Dati alla mano, Bloomberg New Energy Finance (Bnef) nel suo ultimo report ha descritto i cambiamenti che da qui al 2040 potremmo aspettarci nel mondo dell’energia, mostrando che il sorpasso delle rinnovabili sulle fonti fossili stia avvenendo molto più velocemente di quanto previsto.

Nel 2026 il giro di boa per il taglio delle emissioni

Lo scenario suggerito da Bloomberg indica che l’energia pulita si sta diffondendo nel mondo in modo più rapido rispetto a quello che la maggior parte degli esperti si attendevano. Una buona notizia per l’ambiente e la possibilità di intervenire per rallentare il cambiamento climatico. Se questa previsione si avverasse, vorrebbe dire che l’inquinamento da anidride carbonica creata utilizzando i combustibili fossili potrebbe diminuire a partire dal 2026. Un risultato che, al momento, contrasta con le previsioni dell’Agenzia internazionale per l’energia (Iea) che invece stima un costante aumento delle emissioni nei decenni a venire.

Gli investimenti nel settore dell’energia: nei prossimi anni e fino al 2040, la quota destinata alle rinnovabili a livello mondiale è destinata a crescere e a fare la parte del leone (Fonte: Bloomberg New Energy Finance -Bnef)

Gli investimenti nel settore dell’energia: nei prossimi anni e fino al 2040, la quota destinata alle rinnovabili a livello mondiale è destinata a crescere e a fare la parte del leone (Fonte: Bloomberg New Energy Finance -Bnef)

Il calo dei costi, nodo centrale per il futuro delle rinnovabili

Il ragionamento di Bnef sulla crescita e infine il sorpasso delle rinnovabili ruota intorno ai costi delle tecnologie come solare, eolico che nei prossimi anni saranno più economiche delle fonti fossili. Non si tratta infatti del “se” il sorpasso avverrà ma piuttosto di “quando”, ha detto Seb Henbest, ricercatore presso Bnef a Londra e autore principale del rapporto. Bnef stima che il costo dei parchi eolici off-shore – fino a poco tempo fa la tecnologia più costosa tra le rinnovabili – cali del 71 per cento. Una diminuzione che renderà l’installazione di turbine eoliche in mare aperto estremamente conveniente raccogliendo, con tutta probabilità, nuovi investimenti.

I cambiamenti del costo del solare nel mondo entro il 2040 (Fonte: Bloomberg New Energy Finance -Bnef)

I cambiamenti del costo del solare nel mondo entro il 2040 (Fonte: Bloomberg New Energy Finance -Bnef)

Fonte: Lifegate

Data: Luglio 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
combustibili fossilicostiemissionirinnovabili

Articoli correlati

Un traino alle rinnovabili

La caduta dei prezzi del petrolio e del gas proietta ombre minacciose anche sulle energie rinnovabili, ma un po’ meno

Illuminazione pubblica che costa troppo e serve a poco

Negli ultimi 12 mesi la metà degli italiani, 29,3 milioni di persone, si sono sentiti insicuri in un luogo pubblico

Petrolio, l’Opec taglia la produzione per far crescere i prezzi

I membri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec) si sono accordati per tagliare la produzione di oltre 700mila barili