L’energia solare preziosa come la ‘luce dal cielo’ per il Nicaragua rurale

L’energia solare preziosa come la ‘luce dal cielo’ per il Nicaragua rurale

Per la maggior parte della sua vita Dina Leiba si è alzata e andata a letto a letto al buio. Se aveva bisogno di alzarsi per prendersi cura di un bambino malato, cercava una torcia, sempre se avesse avuto i soldi per le batterie. Per caricare il suo telefono, doveva spostarsi in un villaggio in cui l’elettricità arrivava, pagare il servizio e tornare a casa a piedi.

Oggi si è alzata prima dell’alba, ha acceso le luci ad energia solare, ha acceso la sua stufa a legna per cuocere il pane da vendere ai suoi vicini. Sono passati solo tre mesi dall’installazione del suo pannello solare e la vita è cambiata in più modi di quanti avrebbe potuto immaginare.

In passato, piuttosto che giocare fuori quando tornavano a casa da scuola, i suoi figli dovevano fare i compiti prima che la luce svanisse. Ora suo figlio potrebbe essere qualsiasi adolescente, ovunque. Mentre chiacchieriamo in mezzo ai guava del giardino di Dina, è seduto in un angolo della sua camera da letto, incollato a un tablet, a giocare a un videogioco.

“Sto già imparando che devo stabilire dei limiti!” Dice Dina, alzando gli occhi al cielo. “Prima, al massimo sarebbero rimasti in piedi fino alle 21:00. Ora devo tormentarli per fargli spegnere lo schermo e mandarli a letto”.

Nelle alte montagne del Nicaragua, installare energia solare e vivere fuori dalla rete non sono opzioni di vita per coloro che sfuggono alla corsa al successo o che fanno la loro parte per combattere il cambiamento climatico. Sono un modo pratico per accedere all’elettricità in luoghi che non sono ancora collegati alla rete nazionale.

Mentre l’elettrificazione rurale procede rapidamente sotto il governo di Daniel Ortega, il 10% della popolazione del Nicaragua ne è ancora tagliata fuori, soprattutto per coloro che vivono in aree remote e povere. Mini reti, energia idroelettrica su piccola scala e pannelli solari individuali sono alcuni dei modi per colmare le lacune.

Fonte: The Irish Times

Data: Febbraio 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
politiche energetichesolare

Articoli correlati

Report WEF: impianti rinnovabili localizzati in modo errato costano all’Europa 100 miliardi di dollari

L’Europa avrebbe potuto risparmiare 100 miliardi dollari se fossero stati installati impianti solari in paesi più soleggiati e impianti eolici

Guida autonoma: una auto su 7 entro il 2030

Dalla redazione di Canale Energia. Entro il 2030 1 auto su 7 sarà a guida autonoma. Ad affermarlo l’analisi “Strategic

Centrali a carbone: sono più quelle che si chiudono rispetto alle nuove che entrano in funzione

Il boom del carbone globale ha iniziato a rallentare, un nuovo rapporto di Action Sierra Club intitolato: “Boom and Bust: