L’eolico britannico promette prezzi inferiori al nucleare

L’eolico britannico promette prezzi inferiori al nucleare

I parchi eolici offshore potrebbero fornire al governo britannico energia elettrica a un costo competitivo rispetto all’energia nucleare. Secondo le stime della British wind energy association (Bwea), l’associazione che raggruppa le imprese britanniche dell’energia rinnovabile prodotta dal vento, moto ondoso e maree, gli impianti eolici potrebbero produrre energia elettrica a un costo inferiore a 92,50 di sterline (108,5 euro) per megawattora, ovvero il prezzo concordato a cui potrebbe essere venduta l’energia elettrica prodotta dal costoso impianto nucleare da 18 miliardi di sterline (24 miliardi di euro) di Hinkley Point C. La centrale nucleare dovrebbe essere costruita dall’utility francese EDF che ha siglato un accordo di 35 anni con il governo britannico.

Hugh McNeal, amministratore delegato della Bwea, in un’intervista al Guardian ha affermato che “Non sarei sorpreso se [l’eolico offshore] cancellasse i prezzi di Hinkley”.

La discesa dei costi dell’eolico offshore

Il costo dell’eolico offshore è sceso di quasi un terzo rispetto al 2012, arrivando sotto le 100 sterline per megawattora quattro anni prima delle previsioni del governo britannico. Il drastico calo dei costi si deve soprattutto all’adozione di turbine più grandi e con una potenza maggiore, ma anche a logiche di mercato dov el concorrenza ha fatto scendere i prezzi. La Offshore Renewable Energy (ORE) Catapult – un centro di ricerca britannico sull’energia prodotta in mare aperto –, nel suo rapporto sull’eolico offshore ipotizza che nei prossimi dieci anni si possano ottenere riduzioni ancora più significative dei costi, grazie a ulteriori passi avanti nell’innovazione tecnologica e a una più stretta collaborazione nel settore che determinerebbe la crescita della catena di fornitura.

EU Member State 2016 installed wind capacity onshore and offshore

La nuova capacità eolica (onshore and offshore) installata nel 2016 in Europa per Paese. (Fonte: WindEurope)

 

Fonte: Lifegate

Data: Marzo 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
eolicoGran Bretagnanuclearepolitiche energetiche

Articoli correlati

Bollette più care a causa del cambiamento climatico

Da qui al 2050, il cambiamento climatico potrebbe mettere a rischio migliaia di centrali elettriche, causando interruzioni di corrente e

Le rinnovabili non sono un gioco

L’investimento globale nelle energie rinnovabili, soprattutto eolica e solare, è aumentato di un sesto nel 2014, raggiungendo i 270 miliardi

Energia, Regno Unito a rischio black out. Gli errori che l’Italia deve evitare

La Gran Bretagna, pur essendo tra i primi paesi industrializzati a rialzare la testa dopo la crisi, rischia di vedere