L’industria italiana diminuisce le emissioni di anidride carbonica

L’industria italiana diminuisce le emissioni di anidride carbonica

Dalla redazione di Canale Energia

Ridurre le emissioni di gas effetto serra del 40% entro il 2030 e dell’80% entro il 2050. Questi gli obiettivi imposti dalla Comunità europea per la lotta al cambiamento climatico che hanno spinto l’industria italiana a percorrere la via dell’efficienza e della maggiore attenzione alle risorse del pianeta.

Secondo i dati riportati nello studio “Report emissioni 2014-2015”, condotto da EcoWay sulle imprese sottoposte al meccanismo dei certificati di emissione Ets (Emission Trading Scheme), le aziende procedono sulla strada giusta: il trend nazionale rispetto l’anno precedente ha registrato una inflessione del 7,4% della Co2 – passando da 164 milioni di Co2 e ton a 152 – eccezion fatta per il Lazio, +4,8% e la Puglia, +3,4%.

Sono il settore della chimica (i 38 impianti di raffinazione sono responsabili per il 15% delle emissioni totali di gas a effetto serra) e delle utility (gli 80 gruppi societari sono responsabili per oltre il 54%) i protagonisti di questa decrescita con, rispettivamente, -10% e -9%; a seguire i comparti calce e cemento e laterizi (-6% e -5%). Unico trend contrario l’alimentare che ha registrato un +9%.In particolare, il Paese ha registrato un primato importante: sebbene dal 2005 registri un trend di riduzione delle emissioni, a parità di aziende che partecipano al mercato europeo di scambio delle emissioni, nel 2014 ha vissuto un’inversione di tendenza con l’aumento del 4% delle emissioni generate rispetto alla somma dei permessi assegnati gratuitamente e tramite asta.

Confronto tra settori su emissioni e permessi tra 2013 e 2014

Fonte: Carbon Market Data, rielaborazione EcoWay

Fonte: Carbon Market Data, rielaborazione EcoWay

 

In Italia quasi tutte le regioni hanno registrato una contrazione tra il 3,7% e il 34,2% e sono 10 le responsabili dell’89% delle emissioni. Nella classifica delle immeritevoli è la Puglia – caratterizzata da 40 impianti di grandi dimensioni sottoposti ad ETS – a posizionarsi al primo posto con il 21,2% di emissioni a livello nazionale; a seguire la Lombardia (13,7%) e la Sicilia (12,0%). Rispetto al 2013, solo la Puglia e il Lazio hanno segnato un aumento di emissioni.

Emissioni per regione sul totale emissioni italiane

Fonte: Carbon Market Data, rielaborazione EcoWay

Fonte: Carbon Market Data, rielaborazione EcoWay

 

Spostando lo sguardo sul resto della Comunità Ue, l’Italia ha conquistato il quarto posto (dopo Germania, Regno Unito e Polonia) tra i maggiori emettitori europei e il modello europeo degli Ets, diventato un riferimento per molti stati extra UE, è destinato ad essere adottato anche in Canada e USA, Cile, Nuova Zelanda, Corea del Sud, Kazakhistan e Cina.

 

Fonte: Canale Energia

Data: Dicembre 2015

Leggi l’articolo

Leggi il report di EcoWay


Tags assigned to this article:
datiemissioniindustriaItalia

Articoli correlati

Limitare il cambiamento climatico porterà enormi benefici economici

Oggi Stati Uniti, Cina ed Unione Europea producono insieme oltre la metà delle emissioni climalteranti mondiali. Pare logico dunque che

I veri drivers del futuro a basse emissioni: Cina e India

Anche il solitamente prudente The Guardian si è entusiasmato per il segnale di serietà ‘mondiale’ sul cambiamento climatico evidenziato dal

Italiani prigionieri dello smog: rinunciare all’auto non basta. Ecco gli stili di vita sostenibili

Undici tappe, da Nord a Sud del nostro Paese, per monitorare lo stato di salute ambientale dell’Italia. Perché non è