L’innovazione tecnologica per una transizione verso l’energia pulita

L’innovazione tecnologica per una transizione verso l’energia pulita

Mentre i negoziatori sul clima lavorano per un accordo che limiti l’aumento delle temperature globali, sta crescendo l’interesse verso il ruolo essenziale che l’innovazione tecnologica può e deve svolgere nel consentire la transizione verso un sistema energetico a basse emissioni di carbonio. In effetti, i recenti casi di successo indicano chiaramente che esiste un potenziale significativo e non sfruttato per accelerare l’innovazione nel campo delle tecnologie pulite se solo appropriati quadri di riferimento politici fossero attuati.

In un’analisi particolarmente attuale, l’edizione 2015 di “Energy Technology Perspectives” (ETP 2015) curata dall’International Energy Agency esamina l’innovazione nel settore delle tecnologie per l’energia con lo scopo di aumentare la fiducia nelle possibilità di raggiungere gli obiettivi di mitigazione del cambiamento climatico a breve e lungo termine attraverso una ricerca efficace, lo sviluppo, la sua dimostrazione e successiva diffusione (RSD & D).

L’ETP 2015 individua strategie di regolamentazione e contesti di cooperazione per promuovere l’innovazione in settori come le fonti rinnovabili variabili, la cattura e lo stoccaggio del carbonio e nei settori industriali ad alta intensità energetica. Il rapporto mostra anche come le economie emergenti, e la Cina in particolare, possano favorire una transizione all’utilizzo di energie a bassa emissione di carbonio attraverso l’innovazione nel campo delle tecnologie e della politica energetica.

 

Fonte: International Energy Agency

Data: Settembre 2015

Leggi l’articolo in inglese

Leggi la sintesi in inglese


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticocostiricercatecnologia

Articoli correlati

Il rapporto dell’OECD: allineare le politiche per realizzare un’economia a basso contenuto di carbonio

Il rapporto di ricerca “Aligning policies for a low-carbon economy” pubblicato dall’Organisation for Economic Coperation and Development (OECD) nel 2015

Speciale Libia, tutti gli approfondimenti

Fino agli anni cinquanta del XX secolo la Libia era uno dei paesi più poveri del mondo, soprattutto a causa

La bioeconomia in Europa e il ruolo dell’Italia

La Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo e Assobiotec hanno presentato il secondo rapporto dedicato alla bioeconomia, un settore che