L’Italia aumenta i finanziamenti al carbone, più di ogni altro Paese G7

L’Italia aumenta i finanziamenti al carbone, più di ogni altro Paese G7

Il carbone è il nemico numero uno nella lotta al cambiamento climatico. Ogni anno l’umanità emette 50 gigatonnellate di CO2eq, 32 delle quali – la grande maggioranza – arrivano dall’utilizzo diretto di combustibili fossili; a sua volta, è bruciando carbone che il settore energetico (il più impattante sul clima) rigurgita in atmosfera il 73% delle proprie emissioni di CO2. Anche il premier Matteo Renzi ha pubblicamente riconosciuto lo scorso giugno che «oggi il nostro nemico è il carbone». Eppure, proprio nella seconda metà dello scorso anno l’Italia ha incrementato in modo sensibile – più di ogni altro Paese del G7 (com’è possibile vedere dal grafico a lato, ndr) i finanziamenti all’industria carbonifera.

carbone-g7-320x234Non contenti delle 12 centrali a carbone ancora attive sul territorio nazionale, attraverso Sace, l’agenzia italiana di credito alle esportazioni (a sua volta società del gruppo Cdp, a controllo pubblico), l’Italia ha infatti offerto la garanzia per il finanziamento – pari a 632 milioni di dollari – per un impianto a carbone nella Repubblica Dominicana.

È quanto denuncia la pubblicazione del rapporto “Swept Under the Rug: How G7 Nations Conceal Public Financing for Coal Around the World“, redatto dal Natural resources defense council (Nrdc), dal Wwf e da Oil change international a pochi giorni l’apertura dei lavori del  G7, previsto per il 26-27 maggio in Giappone. Il dossier dimostra come i paesi del G7, Giappone e Germania in primis – nonostante le dichiarazioni di facciata e la firma dell’Accordo di Parigi sul clima solo poche settimane fa – continuino imperterriti a finanziare massicciamente le centrali a carbone e l’estrazione del pericoloso combustibile fossile all’estero, in palese contraddizione con l’impegno assunto pubblicamente per limitare l’inquinamento da carbonio e l’emissione di gas serra.

Un contesto dove anche l’Italia pecca gravemente di mancata coerenza tra parole e fatti.

Dai dati in nostro possesso emerge che l’Italia nel 2015 ha aumentato, non diminuito, il finanziamento del carbone – spiega Mariagrazia Midulla del Wwf Italia – Non è questa la direzione giusta verso cui andare per rispettare gli impegni presi a livello internazionale, non è la direzione indicata più volte dal presidente del Consiglio Renzi. I paesi del G7 e le istituzioni multilaterali dovrebbero fermare immediatamente i progetti di finanziamento di fonti di energia sporca e incoraggiare gli investimenti in energia pulita e rinnovabile. Sono questi i passi da intraprendere per proteggere il nostro pianeta e le generazioni future».

I paesi del G7 continuano così a finanziare il peggiore dei combustibili fossili per miliardi di dollari. Come già accennato il Giappone si classifica come la peggiore, con finanziamenti pari a più di 22 miliardi di dollari per impianti a carbone all’estero nel periodo 2007-2015, e con l’annunciata intenzione di investire altri 10 miliardi di dollari in progetti futuri. Seguono la Germania con finanziamenti pari a 9 miliardi di dollari, gli Stati Uniti con circa 5 miliardi, la Francia con un ammontare pari a 2,5 miliardi di dollari, l’Italia con 2 miliardi di dollari, il Regno Unito con 1 miliardo e il Canada con meno di 1 miliardo. Tradotto, le emissioni delle centrali elettriche a carbone finanziate dai paesi del G7 dal 2007 al 2015 raggiungono un totale di 101 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno, provocando danni all’atmosfera, al clima del pianeta e alla salute della popolazione mondiale.

Ma potrebbe essere una stima al ribasso.

Gli autori del rapporto sottolineano infatti che i risultati raccolti potrebbero rappresentare una sottostima delle reali dimensioni della finanza del carbone internazionale: «Attualmente i finanziamenti viaggiano attraverso canali opachi e poco chiari come istituti di credito all’esportazione, che tengono nascosto il loro sostegno allo sviluppo dei combustibili fossili. Questi meccanismi di finanziamento favoriscono ingiustamente l’uso del carbone a discapito delle fonti di energia pulita e impediscono la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio». Per fermare questa folle corsa il primo traguardo da tagliare è quello della trasparenza.

Fonte: Greenreport.it

Data: Giugno 2016

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
carboneinvestimenti

Articoli correlati

La devastazione provocata dal carbone

Gli studiosi non potranno mai capire appieno il costo economico del carbone, ma questo non rende meno riconoscibili i danni

La gigantesca centrale a carbone che si converte all’energia verde

Sul treno per visitare uno degli ultimi posti in Gran Bretagna che brucia carbone per produrre elettricità, passo tre fattorie

Le grandi banche finanziano le fossili a favore del cambiamento climatico

Un rapporto pubblicato da Rainforest Action Network, BankTrack, Sierra Club e Oil Change International fornisce un primo sguardo sui finanziamenti