I Lloyd’s di Londra disinvestono dal carbone per arginare il cambiamento climatico

I Lloyd’s di Londra disinvestono dal carbone per arginare il cambiamento climatico

I Lloyd’s di Londra, la più antica corporazione di assicurazioni del mondo, è diventata l’ultima società finanziaria in termini di tempo ad annunciare che intende smettere di investire nelle società legate al carbone.

I Lloyd’s inizieranno ad escludere il carbone dalla loro strategia di investimento dal prossimo 1° aprile. La definizione di che cosa è una società di carbone e i criteri per la cessione saranno fissati nei prossimi mesi.

L’azienda ha parlato a lungo della necessità di combattere i cambiamenti climatici, con le assicurazioni uno dei settori più colpiti dagli uragani, gli incendi e le inondazioni negli ultimi anni.

Il mese scorso, il mercato assicurativo ha deciso di attuare una politica di esclusione del carbone come parte di una strategia di investimento responsabile per il fondo comune di investimento che si colloca dietro ogni polizza assicurativa scritta dai Lloyd’s.

Inga Beale, amministratore delegato dei Lloyd’s di Londra, ha dichiarato: “Ciò significa che nelle aree del nostro portfolio in cui possiamo influenzare direttamente le decisioni di investimento eviteremo di investire in società per lo più coinvolte nel carbone.

C’è qualcosa di più che il settore assicurativo potrebbe fare per aiutare la transizione mondiale verso un’economia a basse emissioni di carbonio scegliendo titoli sostenibili o a basse emissioni di carbonio?”

Lloyd’s non sottoscrive direttamente le operazioni, ma offre un mercato a quasi 90 consorzi di altri assicuratori.

Fonte: The Guardian

Data: Febbraio 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticocarboneemissioniinvestimenti

Articoli correlati

Confermato: i terremoti in Oklahoma sono causati dal fracking

Il numero di terremoti in Oklahoma ha registrato un aumento esponenziale. In concomitanza della considerevole attività di fracking nello stato,

Una breve storia del riscaldamento globale

Il riscaldamento globale compie circa 120 anni nel 2016… più o meno. Il 2016 sarà il 120° anniversario dalla prima volta

L’emergenza smog? Risolta all’italiana

“Metropoli soffocate dalle polveri sottili”, blocchi del traffico inevitabili, pericolo malattie respiratorie (se non peggio) per malati, bambini e anziani.