Per lo sviluppo delle rinnovabili, bisogna puntare sulle batterie

Per lo sviluppo delle rinnovabili, bisogna puntare sulle batterie

Il mercato dello stoccaggio di energia, le batterie, aumenterà di sei volte dal 2016 al 2030, arrivando a 125 gigawatt (GW), pari a 305 gigawattora (GWh). Le previsioni sono di Bloomberg new energy finance (Bnef), che nel suo rapporto Energy storage forecast 2017-2030 parla di un investimento nel settore di 103 miliardi di dollari (86,5 miliardi di euro) da qui al 2030. Saranno otto i paesi che guideranno l’evoluzione del mercato: Australia, Cina, Germania, India, Giappone, Corea del Sud, Usa e Regno Unito dove verrà installato il 70 per cento della capacità.

Lo stoccaggio di energia è fondamentale per lo sviluppo delle fonti rinnovabili, perché garantisce la continuità della fornitura elettrica anche in assenza di generazione di energia elettrica, di notte nel caso del solare e in mancanza di vento nel caso dell’eolico.

Fonte: Bnef

 

Siamo solo all’inizio dell’era dello stoccaggio

L’evoluzione del mercato dello stoccaggio da qui al 2030 sarà paragonabile a quella che è stata l’evoluzione del solare tra il 2000 e il 2015 che ha visto aumentare di ben 7 volte la percentuale del fotovoltaico sul totale dell’energia prodotta a livello globale. In tredici anni, il settore delle batterie passerà dai 5 GWh dello scorso anno ai 305 GWh nel 2030. Secondo il report di Bnef, i costi continueranno a calare: per i sistemi di batterie su larga si passerà dai 588 euro per chilowattora del 2016 a 250 dollari per kilowattora nel 2030. L’andamento è in linea con altre proiezioni che vedono per i sistemi di batterie agli ioni di litio una riduzione annuale dei prezzi di circa il 10 per cento da oggi al 2020 e del 7 per cento l’anno fino al 2030, grazie agli investimenti nella produzione di massa di batterie agli ioni di litio per elettronica di consumo e per i veicoli elettrici.

“L’industria dello stoccaggio è solo all’inizio. Con così tanti investimenti nella tecnologia delle batterie, il calo dei costi e il significativo peso che avranno eolico e fotovoltaico in tutti i mercati energetici, lo stoccaggio di energia svolgerà un ruolo cruciale nella trasformazione energetica”, ha detto Yayoi Sekine, analista di Bnef e principale autore del rapporto.

Gli Stati Uniti guidano la crescita delle batterie

Nel 2030 i soli Stati Uniti rappresenteranno il 25 percento del mercato che registrerà una crescita di dodici volte tra il 2016 e il 2022, per raggiungere una capacità di 7,2 GWh, pari a 2,6 GW.

Usa a parte, Germania e Regno Unito rappresenteranno una buona fetta del mercato delle batterie. Questi sono i Paesi dove ci sarà il maggior utilizzo di fonti rinnovabili, che richiederanno l’impiego di sistemi di stoccaggio di energia per poter dare stabilità alla rete elettrica.

Secondo gli analisti di Bnef “i futuri sistemi energetici nel Regno Unito e in Germania caratterizzati da livelli molto elevati di generazione elettrica rinnovabile dovranno essere integrati da risorse flessibili, come il gas e lo stoccaggio di energia”.

Fonte: Lifegate

Data: Dicembre 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
batterieenergiarinnovabiliStati Unititecnologia

Articoli correlati

A Chicago un teatro sostenibile da materiali riciclati

Lo studio di architettura Gang ha appena completato il Writers Theater, lo spazio per esibizioni alla periferia di Chicago che

Produttori di energia, nuove opportunità per i paesi emergenti

Dalla redazione di Canale Energia. I produttori di impianti di energia elettrica a carbone, a gas e idroelettrici dei paesi

Rio Tinto licenzia il capo del settore energia. Lavori in corso per l’uscita dal carbone?

In un momento in cui i prezzi delle commodity sono crollati, Rio Tinto, nel suo ultimo tentativo di tagliare i