L’Opec prevede che nel 2040 quasi tutte le auto andranno ancora a petrolio

L’Opec prevede che nel 2040 quasi tutte le auto andranno ancora a petrolio

Nel 2040, il 94% delle automobili utilizzerà ancora carburanti fossili, lasciando alle alimentazioni alternative un’irrisoria fetta di mercato. È la previsione dell’Opec, l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, riassunta nell’ultimo World Oil Outlook.

Passi a rilento

A livello globale, oggi le elettriche non superano lo 0,1% delle auto in circolazione. Eppure, le previsioni per i prossimi anni sono ottimistiche: secondo Navigant Research, nel 2024 le immatricolazioni delle auto a batteria (incluse ibride e ibride plug-in) saranno circa 6 milioni, contro le 2,6 milioni del 2015. Ma per il rapporto annuale dell’Opec, gli orizzonti non saranno così rosei.

La stima

Secondo le stime dell’organizzazione, tra 25 anni le alimentazioni alternative resteranno confinate al 6% del mercato auto e al 5,3% nel caso dei veicoli commerciali. Secondo l’analisi, la principale difficoltà delle emissioni zero sarà il costo delle batterie (nonostante un atteso calo dei prezzi “del 30-50%”): “In assenza di svolte tecnologiche importanti – si legge – le elettriche potrebbero non essere allettanti per il mercato di massa”. L’Opec fa migliori le previsioni per le ibride, il cui contributo, in aggiunta agli standard di efficienza più stringenti, potrebbe dimezzare i consumi globali, abbassandoli a 3,5 l/100 km nel 2040.

 

Fonte: Quattroruote

Data: Febbraio 2016

Leggi l’articolo

Leggi la ricerca dell’Opec


Tags assigned to this article:
petroliotecnologiatrasporti

Articoli correlati

Report WEF: impianti rinnovabili localizzati in modo errato costano all’Europa 100 miliardi di dollari

L’Europa avrebbe potuto risparmiare 100 miliardi dollari se fossero stati installati impianti solari in paesi più soleggiati e impianti eolici

More than Scientists

Il video prodotto da ricercatori e studiosi del clima, per spiegare perché è necessario contrastare il cambiamento climatico. Non numeri

Il 50% dei nuovi impianti entrati in funzione nel 2014 è alimentato con rinnovabili

L’input è chiaro: ridurre drasticamente le emissioni di CO2 nei prossimi decenni se non vogliamo affrontare un aumento di catastrofi naturali. Se