L’Unione dell’Energia: energia sicura, sostenibile, competitiva e a prezzi accessibili per tutti gli europei

L’Unione dell’Energia: energia sicura, sostenibile, competitiva e a prezzi accessibili per tutti gli europei

È giunta l’ora di completare il mercato unico dell’energia in Europa. La Commissione europea illustra la propria strategia per realizzare un’Unione dell’energia resiliente coniugata a una politica per il clima lungimirante.

L’energia serve per il riscaldamento e l’aria condizionata degli edifici, per il trasporto delle merci e per alimentare il motore dell’economia. Tuttavia, l’invecchiamento delle infrastrutture, la frammentazione dei mercati e la mancanza di coordinamento delle politiche impediscono ai consumatori, alle famiglie e alle imprese di beneficiare di una scelta più vasta o di prezzi dell’energia meno elevati. È giunta l’ora di completare il mercato unico dell’energia in Europa. Oggi la Commissione europea mette a segno una priorità assoluta del programma politico del presidente Juncker, illustrando la propria strategia per realizzare un’Unione dell’energia resiliente coniugata a una politica per il clima lungimirante.

L’Unione dell’energia, in particolare, comporterà:

  • una clausola di solidarietà: per ridurre la dipendenza da singoli fornitori potendo fare pieno affidamento ai paesi vicini, soprattutto in caso di perturbazioni dell’approvvigionamento energetico. Gli accordi conclusi dai paesi dell’UE per acquistare energia o gas da paesi terzi saranno caratterizzati da una maggiore trasparenza;
  • flussi di energia equiparati a una quinta libertà: la libertà dell’energia di attraversare le frontiere, applicando rigorosamente le regole attuali in ambiti come la separazione (unbundling) dell’energia e l’indipendenza dei regolatori, anche agendo in giudizio se necessario. Il mercato dell’elettricità sarà riorganizzato per renderlo più interconnesso, più rinnovabile e più reattivo. Gli interventi dello Stato nel mercato interno saranno sostanzialmente rivisti e i sussidi che hanno ripercussioni negative sull’ambiente gradualmente eliminati;
  • l’efficienza energetica al primo posto: l’efficienza energetica sarà ripensata radicalmente e considerata una fonte di energia a sé stante, in grado di competere alla pari con la capacità di generazione;
  • una transizione verso una società a basse emissioni di CO2 costruita per durare: l’energia prodotta a livello locale, anche da fonti rinnovabili, dovrà essere assorbita nella rete in modo agevole ed efficiente; si promuoverà la leadership tecnologica dell’UE, sviluppando la prossima generazione di tecnologie dell’energia da fonti rinnovabili e raggiungendo una posizione di leadership nell’elettromobilità, mentre le imprese europee aumenteranno le esportazioni e saranno competitive a livello globale.

Fonte: Commissione Europea

Data: Febbraio 2015

Leggi l’articolo

Scarica la presentazione di Juncker su Energy Union

Leggi anche l’articolo Unione energetica: la sfida Ue sulle rinnovabili

 

 


Tags assigned to this article:
Commissione Europeapolitiche energetiche

Articoli correlati

Che cosa davvero causa il riscaldamento della Terra?

Gli scettici rispetto ai cambiamenti climatici causati dall’uomo spiegano attraverso diverse cause naturali il perché, rispetto al 1880, la terra

I migranti costruiscono un parco eolico pagandosi una parte del salario minimo

Tra i lavoratori assunti per costruire l’ammiraglia degli impianti eolici offshore “Beatrice” in Scozia, del valore di 2,6 miliardi di

Il Texas è troppo ventoso e soleggiato per permettere alle vecchie compagnie energetiche di fare soldi

Per quanto attraente sia il concetto di energia rinnovabile legata all’eolico, è afflitto da un difetto fondamentale. Colpisce di più