Marea Nera, Bp pagherà risarcimento di 18,7 miliardi di dollari

Marea Nera, Bp pagherà risarcimento di 18,7 miliardi di dollari

Ci sono voluti più di cinque anni, da quel maledetto 20 aprile 2010 in cui dalla piattaforma petrolifera Deepwater Horizon iniziò un massiccio sversamento di petrolio nelle acque del Golfo del Messico, perché la British Petroleum fosse chiamata a rispondere, quantomeno economicamente, del danno arrecato alla fauna ittica, all’ecosistema, all’economia piscatoria e alla salute di tutti coloro che si affacciano sull’area interessata da quella che fu ribattezzata la “marea nera”.

Bp dovrà risarcire 18,7 miliardi di dollari agli “stati del Golfo” degli Usa colpiti dal disastro ambientale, vale a dire Florida, Alabama, Mississipi e Louisiana, ai quali si aggiungeranno 400 entità governative locali.

Il risarcimento è – secondo il dipartimento di Giustizia americano – il più ingente con una singola entità, nella storia americana. Anche perché la portata dello sversamento è stata da record: si calcola che sia stata riversata in mare una quantità di petrolio 10 volte superiore a quella del disastro della Exxon Valdez del 1989.

I pagamenti saranno dilazionati in 18 anni e una cifra di 5 miliardi e mezzo di dollari servirà come penale per il Clean Water Act.

L’accordo risolve le principali responsabilità legate al tragico incidente. Per gli Stati Uniti e in particolare per il Golfo si tratta di un’entrata significativa che nel corso degli anni contribuirà a ripristinare le risorse naturali e ripagherà per le perdite dovute alla fuoriuscita di petrolio, ha dichiarato Bob Dudlye, dirigente di Bp.

 

Fonte: ecoblog.it

Data: Luglio 2015

Leggi l’articolo


Articoli correlati

Google aprirà in Alabama, nel sito di una vecchia centrale a carbone, un nuovo centro dati alimentato a rinnovabili

Il gigante della ricerca on line ha annunciato di essere in procinto di aprire il quattordicesimo data center. Per questa nuova

Energia, Regno Unito a rischio black out. Gli errori che l’Italia deve evitare

La Gran Bretagna, pur essendo tra i primi paesi industrializzati a rialzare la testa dopo la crisi, rischia di vedere

Boyan Slat, il ventenne che pulirà gli oceani dalla plastica

Boyan Slat aveva 17 anni quando presentò, per la prima volta, la sua invenzione al mondo. Una macchina “gigante” in