Messico, il nuovo presidente dice stop al fracking

Messico, il nuovo presidente dice stop al fracking

Andrés Manuel López Obrador, il nuovo presidente del Messico eletto lo scorso 1 luglio, ha annunciato che dal 1 dicembre, giorno del suo insediamento metterà al bando il fracking. “Non utilizzeremo più questo metodo di estrazione del petrolio”, ha detto Obrador all’Associated Press. Una battuta considerevole di arresto allo sviluppo di questo mercato, considerato l’enorme potenziale di scisto nel bacino di Burgos, situato nel Messico del nord e molto simile ai campi Eagle Ford in Texas.

Un netto cambio di marcia

Meno di un anno fa il ministero nazionale dell’Energia aveva aperto le porte alle compagnie private per l’esplorazione e l’estrazione di gas naturale e petrolio in alcuni bacini del Messico tra cui quello di Burgos. La Commissione nazionale messicana per gli idrocarburi aveva infatti messo all’asta, il 27 marzo scorso, 35 blocchi di esplorazione in mare dove sono presenti ingenti risorse petrolifere e di gas. La superficie totale dei blocchi è di 26.300 chilometri quadrati che si trovano nei bacini di Burgos, Tampico-Misantla-Veracruz e Cuencas del Sureste.

Ora Obrador promette un radicale cambio di marcia su questo versante, ma non solo. Il neo presidente ha annunciato che metterà mano anche ai contratti privati di generazione elettrica che il precedente governo ha stipulato riducendo la Federal Electricity Commission (Cfe), di proprietà del governo un ruolo marginale. “I governi neoliberali hanno deliberatamente chiuso gli impianti di Cfe per acquistare energia elettrica da società straniere a prezzi molto alti. Ora tutto questo cambierà”, ha detto Lopez Obrador.

Che cos’è il fracking

La tecnica di perforazione orizzontale attraverso la frattura idraulica, nota come fracking, viene utilizzata per sbloccare i giacimenti di petrolio e gas naturale dai letti di scisto. Il fracking ha incrementato significativamente l’estrazione di gas naturale e ha aiutato le economie locali, ma gli oppositori sostengono che il fracking sua un’enorme minaccia per l’ambiente e la salute a causa dell’inquinamento dell’aria e delle falde acquifere. La tecnica è stata vietata in molti paesi in tutto il mondo.

Fonte: Lifegate

Data: Settembre 2018

Leggi l’articolo



Articoli correlati

Crisi dell’energia tradizionale, Areva e Siemens tagliano 10mila posti

L’hanno già definita una rivoluzione e, per quanto sta accadendo sul mercato dell’energia, il termine non è per nulla una

In Portogallo cresce la produzione di energia verde

Chi ha a cuore l’energia verde in Portogallo sta vivendo un momento privilegiato dopo che, a marzo, condizioni meteorologiche favorevoli

Uno dei più grandi impianti fotovoltaici al mondo ha battuto il record di energia prodotta

Dopo il record di economicità del solare fotovoltaico, il Cile segna ora un altro record, quello della produttività elettrica registrato