Meteo estremo. Nel 2017 i danni climatici sono costati 320 miliardi di dollari

Meteo estremo. Nel 2017 i danni climatici sono costati 320 miliardi di dollari

I danni causati da eventi climatici estremi sono ammontati nel 2017 a 320 miliardi di dollari. I dati forniti da Munich Re arrivano nel giorno della Giornata mondiale della meteorologia, che si è celebrata il 23 marzo.  Per l’occasione l’Organizzazione Meteorologica Mondiale (Omm) ha diffuso il suo ultimo rapporto, secondo cui il 2017 è stato l’anno più funestato dagli eventi meteo estremi; tuttavia anche l’anno in corso, per come è iniziato, non sembra essere da meno.

Nel rapporto, che si intitola “Dichiarazione dell’Omm sullo stato del clima globale nel 2017”, l’agenzia delle Nazioni Unite passa in rassegna i fenomeni principali dell’anno scorso: da una stagione degli uragani nordatlantici “molto attiva”, alle inondazioni per le piogge monsoniche nel subcontinente indiano, fino alla continua e grave siccità in alcune aree dell’Africa orientale.

L’inizio del 2018 sta proseguendo da dove il 2017 si è fermato, con gli eventi meteo estremi che mietono vittime e distruggono i mezzi di sostentamento“, ha detto il segretario generale dell’Omm, Petteri Taalas. “L’Artico ha sperimentato temperature insolitamente elevate, mentre le aree densamente popolate nell’emisfero settentrionale sono state colpite da un freddo pungente e da tempeste invernali dannose. L’Australia e l’Argentina hanno subito ondate di calore estreme, e la siccità è continuata in Kenya e Somalia”.

Fonte: E-gazette.it

Data: Aprile 2018

Leggi l’articolo

 


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticoimpatti

Articoli correlati

L’errore di sottovalutare i cambiamenti climatici

Gli eventi climatici che hanno investito l’Italia durante questa estate meritano una riflessione accurata. La Penisola è stata soffocata dall’Anticiclone

Il 92% dei consumatori tedeschi è a favore della transizione energetica

Secondo un sondaggio pubblicato dall’Agenzia tedesca per le energie rinnovabili, il 92% dei tedeschi sostiene la transizione energetica, ma non

Dalle sabbie bituminose all’eolico offshore: il salto di un gigante del petrolio

La norvegese Statoil, compagnia che opera nel settore del petrolio e del gas, negli ultimi giorni del 2016 ha messo