Mobilità sostenibile: firmato decreto da 35 milioni di euro

Mobilità sostenibile: firmato decreto da 35 milioni di euro

Gian Luca Galletti, ministro dell’Ambiente, ha firmato il decreto per l’assegnazione dei 35 milioni di euro previsti dal Collegato Ambientale per il programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile.

L’obiettivo del bando pubblico rivolto agli enti locali è favorire gli spostamenti casa-scuola e casa-lavoro con modalità di trasporto sostenibili, in linea con gli obiettivi nazionali ed europei di riduzione delle emissioni di gas serra e inquinanti derivanti dal settore dei trasporti.

Tra gli interventi finanziabili ci sono i servizi e le infrastrutture di mobilità collettiva e condivisa a basse emissioni, come il car pooling, il car e bike sharing, ma anche bike to work, bicibus, pedibus e infomobilità. Verranno poi valutati progetti per la realizzazione di percorsi protetti, tra cui le corsie ciclabili e le zone 30, come quelli che prevedono la riduzione del traffico, dell’inquinamento e della sosta in prossimità di istituti scolastici, università e sedi di lavoro. Spazio anche alle proposte di programmazione di uscite didattiche e spostamenti durante l’orario di lavoro per motivi di servizio con mezzi di trasporto a basse emissioni, ai progetti di formazione ed educazione di sicurezza stradale e di guida ecologica, cosi come quelli che prevedono la cessione a titolo gratuito di buoni mobilità o agevolazioni per studenti e lavoratori che nei tragitti casa-scuola e casa-lavoro vogliano usare modalità di trasporto sostenibile.

Sono destinatari del programma sperimentale uno o più enti locali che presentino progetti riferiti a un ambito territoriale con popolazione superiore a centomila abitanti, ma a parità di valutazione saranno finanziati prioritariamente i progetti nei Comuni in cui si sia verificato nel 2015 un superamento dei limiti di legge di Pm10 e NOx e in cui si sia adottato il piano urbano della mobilità, cosi come per i Comuni che abbiano aderito ad accordi territoriali di contenimento dell’inquinamento atmosferico da fonti mobili.

Fonte: E-gazette.it

Data: Luglio 2016

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
investimentitrasporti

Articoli correlati

Come vengono impiegati i finanziamenti europei nell’energia?

Dalla riqualificazione energetica di 40mila abitazioni in Francia, alla realizzazione di un nuovo parco eolico onshore in Svezia: sono undici

Quante persone il nostro pianeta può davvero sostenere?

Sovrappopolazione. È una parola che fa sussultare i politici, ed è spesso descritta come l’”elefante nella stanza” nelle discussioni sul

L’accordo di Parigi rimanda al futuro le decisioni più critiche ma cambia la visione dello scenario energetico

di Eric J. Lyman (@EricJlyman) Perfezionato nel corso dei “tempi supplementari” dei negoziati del vertice sul clima, l’accordo di Parigi definisce