Nei prossimi anni sarà il fotovoltaico a guidare la produzione di energia elettrica pulita

Nei prossimi anni sarà il fotovoltaico a guidare la produzione di energia elettrica pulita

L’uso di fonti rinnovabili dominerà sempre più la produzione mondiale di elettricità nei prossimi decenni e il solare fotovoltaico (PV) aiuterà a soddisfare quasi la metà della domanda, fornendo il 40% della produzione di elettricità. Questa è una delle principali conclusioni del rapporto di DNV GL 2018 “Energy Transition Outlook (ETO) 2018: Power Supply and Use” che fornisce una panoramica sulla situazione energetica globale fino al 2050.

Il rapporto prevede che, via via che energia solare e altre fonti energetiche rinnovabili saranno sempre più integrate nella rete, sarà necessario che le utility incorporino maggiore flessibilità e nuove tecnologie, compresa una maggiore capacità di stoccaggio dell’energia, per mitigare e prevenire i potenziali effetti di una alimentazione intermittente. I regolatori e i responsabili politici dovranno anche rispondere alla dinamica in evoluzione del mercato dell’elettricità creando nuovi meccanismi che supportino la generazione solare ed eolica.

“L’aumento delle fonti rinnovabili è un’opportunità e una sfida per le utilities e gli altri soggetti coinvolti nella transizione verso opzioni energetiche più pulite ha affermato Richard S. Barnes, vice presidente esecutivo di DNV GL Energy Nord America.

Fonte: Solar Power World

Data: Novembre 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
fotovoltaicorinnovabilisolare

Articoli correlati

L’Italia è seconda al mondo per efficienza energetica

Uno studio dell’American Council For Energy Effiency Economy, un’organizzazione no profit che redige un rapporto annuale prendendo in esame i

Vancouver 100% green entro il 2050

Pubblichiamo l”articolo apparso su Canale Energia Vancouver ha deciso: entro il 2050 bandirà l’uso delle fonti fossili. La città canadese di

Il Carbon Footprint di Cop21

Anche la Cop21 sui cambiamenti climatici di Parigi calcolerà la sua “carbon footprint” (letteralmente l’”impronta di carbonio”) ossia quante emissioni