Nel 2016, clima e migrazioni sono i rischi maggiormente temuti

Nel 2016, clima e migrazioni sono i rischi maggiormente temuti

Il cambiamento climatico, o meglio l’incapacità di prendere radicali misure per affrontarlo da parte delle potenze della terra, è oggi il maggior rischio per il futuro del nostro pianeta. Lo afferma la nuova edizione di Global Risk, il rapporto annuale compilato da 750 leader ed esperti mondiale del World Economic Forum, l’organizzazione che si riunisce ogni anno a Davos per discutere di problemi internazionali.

Il fallimento di una risposta all’effetto serra guida la graduatoria dei rischi del 2016, seguito nell’ordine dalle armi di distruzione di massa, la crisi delle risorse idriche, la migrazione involontaria su larga scala, gravi sbalzi nei prezzi dei prodotti energetici (come una nuova crisi petrolifera), una nuova ondata di instabilità dei mercati finanziari e attacchi cibernetici alla rete web: queste le sette principali minacce alla sopravvivenza della Terra, secondo gli esperti consultati dal rapporto.

Infografica a cura di Giacomo De Panfilis

Infografica a cura di Giacomo De Panfilis

Le sette piaghe della nostra era non comprendono il terrorismo, che pure domina spesso l’attenzione dei media, se non nel caso in cui fosse collegato a un altro rischio, quale per esempio l’uso di armi di distruzione di massa (come un attentato biochimico) o un attacco cibernetico in grado di mandare in tilt sistemi di difesa o di altro genere. Per quanto spaventosa, la minaccia di gruppi come l’Is e al Qaeda non sembra tuttavia di per sé in grado di provocare un rischio fatale al nostro mondo.

Infografica a cura di Giacomo De Panfilis

Infografica a cura di Giacomo De Panfilis

Un altro aspetto del rapporto 2016 è la crescente inter-connessione fra le minacce globali osservata dagli esperti e dai leader mondiali: il cambiamento  climatico, per citare un solo caso, può fare aumentare l’immigrazione di massa, la fuga di intere popolazioni da una regione verso l’altra.

Infografica a cura di Giacomo De Panfilis

Infografica a cura di Giacomo De Panfilis

 

Fonte: La Repubblica

Data: Gennaio 2016

Leggi l’articolo

Leggi l’executive summary del World Economic Forum


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticopolitiche energetiche

Articoli correlati

Il settore elettrico americano riduce l’uso del carbone per produrre energia

L’uso del carbone per produrre energia elettrica negli Stati Uniti è sceso al suo punto più basso di record storico

Energia, Regno Unito a rischio black out. Gli errori che l’Italia deve evitare

La Gran Bretagna, pur essendo tra i primi paesi industrializzati a rialzare la testa dopo la crisi, rischia di vedere

Rinnovamento eolico: in Italia +4,5 GW di potenza al 2030

Dalla redazione di Canale Energia. Rinnovando le tecnologie installate nei parchi eolici e aumentando la capacità dei vecchi impianti esistenti