Nonostante il grande rumore sulle rinnovabili, il settore pianifica 2.500 centrali a carbone

Nonostante il grande rumore sulle rinnovabili, il settore pianifica 2.500 centrali a carbone

Dal nostro corrispondente Eric J. Lyman (@EricJLyman)

PARIGI – Nel mondo ci sono circa 2.500 impianti a carbone in fase di realizzazione che produrranno 4 volte il livello di emissioni fissato per mantenere l’innalzamento delle temperature sotto i 2°C rispetto ai livelli dell’era pre-industriale, è quanto riporta un nuovo studio presentato ai margini dei lavori del secondo giorno della COP21 in corso a Parigi.

“Coal Gap”, così è chiamato il report prodotto da Climate Action Track, ha rilevato che gli obiettivi di contenere l’innalzamento delle temperature tra l’1,5 e i 2 gradi al di sopra dei livelli pre-industriali è incompatibile con gli attuali stadi di produzione di carbone.

Da sole, le centrali a carbone esistenti produrranno 50 per cento più emissioni rispetto ai livelli previsti come “percorsi” per limitare il riscaldamento a 2 gradi tra oggi e il 2030. Se nelle stime vengono inclusi anche gli impianti in fase di sviluppo, le emissioni diventerebbero almeno il 400 per cento superiori rispetto questo livello, e se in quest’arco di tempo fossero progettati nuovi impianti le emissioni totali sarebbero ancora più alte.

“C’è solo una soluzione al problema di avere troppe centrali a carbone in attività ed è annullare la loro realizzazione”, ha detto Pieter Van Breevoort, esperto di energie rinnovabili per Ecofys e uno degli autori del rapporto.

La notizia arriva dopo che il Regno Unito ha annunciato il mese scorso che chiuderà entro un decennio tutte le sue centrali a carbone, mentre l’ultima miniera di carbone chiuderà a fine mese.

Tuttavia, nell’Unione Europea e in otto paesi non-europei – Cina, India, Indonesia, Giappone, Sud Africa, Corea del Sud, Filippine e Turchia – sono in programma la realizzazione di progetti per almeno 5 GW di nuova capacità a carbone.

Tutto questo mentre i delegati presenti a Parigi stanno negoziando un possibile accordo su quello che viene nel testo chiamato un “obiettivo a lungo termine”. Benché non ci sia un linguaggio comune su questo punto, la maggior parte delle opzioni prevede una completa o quasi totale eliminazione di combustibili fossili, o zero emissioni in tutto il mondo a partire dalla seconda metà del secolo.

Gli autori del rapporto sperano che questo scenario si traduca nella “rottamazione” della maggior parte degli impianti previsti.

“Se le rinnovabili decollano velocemente, come è previsto, molti degli investimenti per  questi impianti a carbone potrebbero essere bloccati,” ha detto Markus Hagemann del New Climate Institute.

 


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticocarboneCOP21

Articoli correlati

Intervista a Michele Appendino di Solar Ventures

In occasione della conferenza “Solar Market Parity Europe”, Solarplaza ha intervistato Michele Appendino, Presidente e CEO di Solar Ventures, un

Revolution

Revolution è un documentario sulla necessità di aprire gli occhi, cambiare il mondo e lottare per qualcosa. Una vera avventura

Miglior crescita, miglior clima

Viviamo in un momento di grande opportunità e grande rischio è in sintesi quanto emerge dall’ultimo report “The New Climate