Obama e l’inquinamento: bravo ma…

Obama e l’inquinamento: bravo ma…

Analisi di Marzio Galeotti e Alessandro Lanza 

Il Clean Power Plan annunciato da Obama a inizio agosto è stato presentato come innovativo e molto ambizioso. In realtà c’è più retorica che sostanza. Perché segue l’onda di cambiamenti strutturali già in corso. Buoni comunque molti contenuti in vista della conferenza sul clima di Parigi. 

Nel corso della conferenza di Lima sui cambiamenti climatici (COP20) dello scorso anno i paesi che fanno parte dell’accordo si sono impegnati a presentare quelli che nel gergo della negoziazione vengono chiamati Indcs (Intended Nationally Determined Contributions), ovvero i progetti di riduzione delle emissioni di gas-serra che essi intendono portare alla conferenza di Parigi (COP21) nel dicembre di quest’anno in vista di un auspicato nuovo accordo globale.

Energia elettrica pulita

All’inizio di agosto il presidente Obama ha a sorpresa presentato nuove misure che si inseriscono nel quadro dell’Indc degli Stati Uniti. Esse prevedono una riduzione delle emissioni di gas-serra pari al 26-28 per cento in CO2eq entro il 2025 rispetto ai livelli del 2005. Il nuovo Clean Power Plan è un piano molto articolato frutto del lavoro di mesi da parte dell’Agenzia per la protezione ambientale (Epa). Si tratta – per sommi capi – di un piano per l’energia elettrica pulita che, in questo contesto, significa un piano teso a ridurre le emissioni da parte delle centrali a carbone. Queste costituiscono la principale fonte di emissioni di CO2 negli Stati Uniti dove ci sono circa 500 centrali, con una produzione di 1500 GWh, pari a circa il 40 per cento dell’energia prodotta. Le centrali sono concentrate in modo particolare nelle aree che producono carbone.

L’obiettivo del nuovo piano dell’amministrazione Obama è più stringente di quello già annunciato qualche tempo fa e mira a ridurre le emissioni di anidride carbonica del settore elettrico in una misura pari al 32 per cento rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030.

Ma è davvero una sfida?

Vi è anzitutto da osservare che la produzione di elettricità con fonti fossili, come mostrato dalla figura 1, è responsabile per non più di un terzo delle emissioni totali.

Figura 1_Smokestack-lightening_LaVoce

Il Clean Power Plan nulla dice sugli altri due terzi. Un aspetto interessante del piano di Obama è che è articolato a livello di singolo Stato e che per Stati come Wyoming, West Virginia o Kentucky si parla di riduzioni di emissioni delle centrali a carbone nell’ordine del 45 per cento al 2030 rispetto ai valori del 2012. Se per Obama si tratta del “maggiore, più importante passo che abbiamo mai fatto nell’affrontare il cambiamento climatico”, per i suoi oppositori repubblicani come Jeb Bush, “La Carbon Rule del presidente Obama è irresponsabile e si spinge troppo in là. La legge passa sopra la testa dei governi statali, caccerà dai loro posti di lavoro innumerevoli persone e aumenta il prezzo dell’energia per tutti”. Per contro la Casa Bianca stima che le famiglie americane risparmieranno 85 dollari all’anno nella loro bolletta del 2030.

Dove siamo oggi?

Per capire se il piano è davvero ambizioso basta guardare la figura 2.

Figura 2_Emissioni-totali-del-settore-elettrico_LaVoce

Fonte: La Voce

Data: Settembre 2015

Leggi l’articolo



Articoli correlati

Da energia a cibo e ritorno: gli ultimi 4 miliardi di anni del pianeta Terra

Dalla redazione di Canale Energia, articolo scritto da Daniela Basso. Tra il 18 ed il 25 ottobre si è svolta

Al via la 5a edizione del premio giornalistico Anev “Energia dal vento”

Per il quinto anno consecutivo l’ANEV bandisce il premio giornalistico “Energia del Vento”, dedicato al tema dell’energia eolica. Il premio è dedicato a

Scala Mercalli, il programma TV dedicato alla crisi climatica

Scala Mercalli è il nuovo programma di Rai3 che andrà in onda, a partire da sabato 28 febbraio, dal Centro