Obama: “Riduzione delle emissioni nocive del 32 per cento entro il 2030”

Obama: “Riduzione delle emissioni nocive del 32 per cento entro il 2030”

Nella lotta ai cambiamenti climatici gli Stati Uniti devono dare il buon esempio, e sfidare il mondo a fare altrettanto.

Con un lungo discorso dai toni ispirati, Barack Obama ha presentato oggi il suo ambizioso piano per la protezione per l’ambiente, per tagliare in particolare le emissioni di anidride carbonica delle centrali elettriche americane. Perché, ha affermato, «quando il mondo incontra le sfide più dure, è l’America a guidare sulla strada da seguire. Ed è così anche con questo piano».

Un piano quindi da presentare come esempio al vertice delle Nazioni Unite sull’ambiente, in programma a Parigi a dicembre. un piano che nella visione di Obama è fondamentale, perché «nulla minaccia di più il nostro futuro e quello delle nuove generazioni del cambiamento climatico». E già oggi, «il Pentagono afferma che i cambiamenti climatici pongono rischi immediati alla nostra sicurezza nazionale».

Un discorso ricco di messaggi impliciti, ma ad effetto. Come quello lanciato oggi: l’annuncio del piano doveva esser fatto dal prato della Casa Bianca, ma poi i metereologi hanno fatto sapere che avrebbe fatto troppo caldo, e la cerimonia è stata spostata all’interno, nella East Room.

Riduzione delle morti premature

Al suo punto centrale prevede un taglio delle emissioni del 32 per cento dai livelli del 2005 entro il 2030. L’Agenzia Usa per l’ambiente, ha annunciato, «sta fissando per la prima volta gli standard per mettere fine all’emissione senza limiti di carbonio dalle centrali elettriche, che sono la fonte di un terzo dell’inquinamento da monossido in America», ha detto. Solo così, ha spiegato, «ridurremo le morti premature» legate all’inquinamento «del 90% ». E solo grazie al nostro piano, ha insistito, «ci saranno 90.000 attacchi di asma in meno tra i bambini ogni anno».

Ma al suo entusiasmo fa da contraltare il gelo dei repubblicani. In particolare quelli candidati alle presidenziali del 2016. Secondo Marco Rubio, ad esempio, gli esperti dell’amministrazione dovrebbero sviluppare delle politiche «buone per l’ambiente, ma buone anche per la nostra economia». Ciò che invece stanno chiedendo «colpisce la nostra economia duramente». Per Jeb Bush quello di Obama è addirittura un piano «irresponsabile», che va «contro i governi degli Stati, che farà perdere il lavoro ad infinite persone ed aumenterà il costo dell’energia per tutti». L’ex governatore del Wisconsin Scott Walker ricorre invece all’ironia, affermando che il piano «dovrebbe essere chiamato il Costoso Piano per l’Energia», per le sue ripercussioni sui lavoratori e gli aumenti dei prezzi dell’energia.

Ma rivolto a loro, e ai repubblicani in Congresso, Obama ha risposto stasera con tono di sfida: «Se ci tenete così tanto a chi ha problemi economici e alle minoranze, allora cominciate a proteggere l’aria che respirano». Anzi, ha rilanciato, «il nostro piano farà risparmiare ad ogni americano 85 dollari l’anno sulle bollette di luce e gas». Le critiche, le ha liquidate, sono solo «scuse per non fare niente».

 

Fonte: La Stampa

Data: Agosto 2015

Leggi l’articolo



Articoli correlati

Quanto inquinano le auto elettriche?

Il settore delle auto elettriche si trova in un periodo di evoluzione velocissima, sia per quanto riguarda le innovazioni tecnologiche

Cambiamento climatico, dal rischio alle soluzioni

Fonte: IPCC WG2 Data: Aprile 2015 Guarda il video

Quanto impatterà la nostra era sul Pianeta?

Immaginate che gli alieni atterrino sulla Terra tra un milione di anni. Cosa troveranno questi curiosi ricercatori? Scopriranno quello che