Passa la mozione per vietare l’investimento in combustibili fossili a Londra

Passa la mozione per vietare l’investimento in combustibili fossili a Londra

Stop a tutti gli investimenti in carbone, petrolio e gas da parte dei nostri fondi pensione. È quello che una mozione dell’Assemblea cittadina di Londra ha chiesto al suo sindaco, Boris Johnson, sollecitato a dar luogo al cosiddetto “divestment” da tutte le fonti fossili per quanto riguarda i fondi pensione dell’amministrazione. Così, Londra potrebbe diventare la seconda capitale al mondo – Oslo ha dato l’annuncio pochi giorni fa – a ripulire le proprie casse pubbliche dalle energie più sporche. Ma se lo sforzo dei norvegesi è piuttosto contenuto, la capitale inglese dovrà ricollocare quasi 7 miliardi di euro. Sono queste le cifre che entrerebbero in gioco se il primo cittadino decidesse di iniziare il processo di scarico del portafoglio del London Authority Pension Fund (LPFA). Ma il documento non è vincolante, ovvero Boris Johnson non è tenuto a seguire l’indirizzo della mozione. Può limitarsi a scrivere qualche riga che spieghi il dissenso.

La mozione è stata proposta da Jenny Jones, dei Verdi, e sostenuta all’unanimità dai Labour e dai liberal-democratici. Sei dei nove membri conservatori non si sono presentati. Jones si è detta «felice» per il via libera alla sua iniziativa, e anche se non ha alcun valore esecutivo è convinta che costringerà Johnson a prendere seriamente in considerazione il tema.

Fonte: Rinnovabili.it

Data: Marzo 2015

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
carboneGran Bretagna

Articoli correlati

Trivelle, tutto quello che c’è da sapere sul referendum

Il 17 aprile per la prima volta gli italiani saranno chiamati alle urne, non dalle firme raccolte da almeno 550mila

Il fotovoltaico: la crescita che ci sorprenderà nei prossimi cinque anni

Nei prossimi cinque anni il mercato globale del fotovoltaico crescerà del 18,7 per cento. Nel 2022 il solare raggiungerà un

I colossi francesi della finanza si impegnano a non finanziare i progetti di carbone australiano

Tre tra le maggiori banche francesi hanno sottoscritto una lettera di impegno a non finanziare lo sfruttamento del carbone australiano, una