Per i produttori di petrolio i soldi comandano ed è solo per questo che non possono fermare le perforazioni

Per i produttori di petrolio i soldi comandano ed è solo per questo che non possono fermare le perforazioni

Gli investitori hanno inviato un messaggio sorprendente ai produttori di scisto statunitensi quando il greggio è sceso di quasi il 20 per cento in agosto: mantenete la calma e continuate a trivellare.

Mentre la maggior parte delle scorte di petrolio sono diminuite drasticamente il mese scorso, i meno colpiti dalla crisi condividono un punto: non prevedono di rallentare le estrazioni, anche se un eccesso di rifornimenti sta spingendo i prezzi verso il basso. Cimarex Energy Co. è balzata dell’oltre l’8 per cento in due giorni dopo che i suoi dirigenti hanno detto lo scorso 5 agosto che le stime per i loro impianti prevedono un incremento pari a più del doppio per l’anno prossimo. Pioneer Natural Resources Co. ha evidenziato un incremento simile.

Gli azionisti continuano a favorire la crescita sui rendimenti, aiutando a spiegare perché le aziende che costituiscono il motore del petrolio americano – dietro il boom le imprese di fratturazione idraulica – non stanno rallentando abbastanza per riequilibrare il mercato. La produzione degli Stati Uniti è rimasta alta, frustrando la strategia dell’Opec per mantenere quote di mercato e ampliando un eccesso che ha spinto il valore del petrolio sotto i 40 dollari al barile. West Texas Intermediate ha scambiato il greggio a 39,08 dollari al barile, in calo di 23 centesimi, alle 01:03 ora di New York, mercoledì 19 agosto.

“Queste aziende sono sempre state premiate per la crescita”, afferma Manuj Nikhanj, responsabile della ricerca sull’energia per l’ITG Investment Research a Calgary. Ora, però, “i bilanci del settore sono così sfidanti che gli investitori devono esaminare altri fattori”, ha detto.

Bloomberg_Shale-cant-stop-wont-stop

Secondo i dati compilati da Bloomberg, la produzione delle 58 imprese di scisto è aumentata l’anno scorso del 19 per cento. Nonostante il taglio della spesa di 21,7 bilioni di dollari americani, il gruppo ha estratto il 4 per cento in più nel secondo trimestre del 2014 rispetto ai primi tre mesi dello stesso anno.

 

Fonte: Bloomberg

Data: Settembre 2015

Leggi l’articolo in inglese


Tags assigned to this article:
industriainvestimentipetrolioStati Uniti

Articoli correlati

Nel 2017 c’è ancora chi pensa ad investire in nuovo carbone

Non c’è più spazio per il carbone, il futuro è nelle rinnovabili. Lo ha spesso sottolineato Christiana Figueres, l’ex segretario

Top Utility, il Gruppo Cap vince il premio assoluto 2017

Le 100 più grandi utility italiane sotto la lente della quinta edizione del rapporto Top Utility Analysis, la ricerca che

Innovazione energetica: i “fantastici quattro” della ricerca

Dalla redazione di Canale Energia. Sono la Case Western Reserve University, la Carnegie Mellon University, la University of Pittsburgh e