Quando il mondo passerà alle rinnovabili, finiranno le guerre per l’energia

Quando il mondo passerà alle rinnovabili, finiranno le guerre per l’energia

Sia per l’Italia che per l’Europa, oggi, uno dei temi più drammatici è quello dei veri e propri “viaggi della speranza” dalle coste settentrionali dell’Africa verso la Sicilia con un costo in termini di vite umane sempre più alto. Nel cercare di comprendere le diverse cause che hanno portato a questa situazione, non possiamo trascurare quello legato agli aspetti energetici. Per esempio la Libia, stato di modeste dimensioni ma ricchissimo di petrolio e gas ha visto l’intervento militare del 2011, inaugurato dalla Francia con un attacco aereo diretto contro le forze terrestri di Gheddafi attorno a Bengasi e seguito qualche ora più tardi dal lancio di missili crociera da navi militari statunitensi e britanniche su obiettivi strategici. Come mai un intervento così subitaneo e massiccio? Ma anche Iraq, Kuwait, Siria, Nigeria, Sud Sudan, Ucraina non sono altro che Paesi in lotta per risolvere questioni energetiche. Tutte situazioni che l’intervento militare ha tutt’altro che risolto, lasciando i Paesi nel caos più completo e le loro popolazioni nel terrore della guerra civile.

In prima analisi i conflitti sembrano regionali e indipendenti l’uno dall’altro, ma come ha osservato lo studioso di geopolitica Michael Klare, si tratta semplicemente di «guerre del XXI secolo per l’energia». Dal momento che i governi di Iraq, Nigeria, Russia, Sud Sudan e Siria derivano la gran parte dei loro ricavi dalle vendite di petrolio, possiamo affermare che le zone di produzione di gas e petrolio rappresentino una ripartizione di ricavi cruciali. Il controllo delle risorse fossili si traduce così in peso geopolitico per alcuni paesi e in vulnerabilità economica per altri. Per Klare sono da annoverare a questa principale causa, ovvero la lotta per le risorse energetiche, i diversi conflitti recenti, tra cui la guerra Iran-Iraq del 1980-1988, la Guerra del Golfo del 1990-1991 e la guerra civile sudanese del 1983-2005. Ad una prima analisi il fattore legato ai combustibili fossili nei più recenti focolai di tensione e di guerra può sembrare meno evidente, ma se si guarda più da vicino si vede che ognuno di questi conflitti è generato, in effetti, da una guerra per l’energia.

Un conflitto di così ampia portata, che riguarda nientemeno che la transizione da un sistema fossile e nucleare, fondato su concentrazione di capitale, finanza e infrastrutture proprietarie, a un sistema di fonti naturali non proprietarie, diffuse e territorialmente governabili, non sfugge certo agli interessi dei Governi e delle Corporation che tengono le redini dell’economia e del commercio nel sistema finanziario globale. Ed è qui che entra in campo l’iniziativa che Stati Uniti ed Europa in particolare, stanno assumendo sul fronte dei trattati commerciali che riguardano anche l’energia.

Le tecnologie rinnovabili come sole, vento e biomasse, pur limitate da una relativa discontinuità, sono sfruttabili direttamente in pressoché ogni angolo del mondo e stanno raggiungendo la “grid parity” a ritmi fino a un decennio fa impensabili.

Fonte: Linkiesta

Data: Giugno 2015

Leggi l’articolo



Articoli Correlati

Ikea scommette 1 miliardo sulle rinnovabili, più di quanto fanno molti Stati

Ikea prova a ridurre l’impatto sull’ambiente investendo pesantemente nell’energia verde e nella lotta al cambiamento climatico. La società svedese, leader

La vera notizia dal G7: l’era di carbone e petrolio finirà nel 2100

“Sono necessari tagli profondi alle emissioni di gas serra per una decarbonizzazione dell’economia globale durante questo secolo”. No, queste parole

Cogliere l’attimo

La maggior parte delle volte, i politici ritoccano le politiche economiche e discutono in modo acceso solo per attuare piccole