Rinnovabili e sviluppo: un binomio vincente

Rinnovabili e sviluppo: un binomio vincente

La crescita inarrestabile delle rinnovabili è un toccasana per l’economia oltre che per l’ambiente e la società. È quanto emerge dalla nuova pubblicazione dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena) dal titolo “REthinking Energy” (Ripensare l’energia), giunta alla sua terza edizione. Alla base della crescita ci sono ovviamente le condizioni economiche e l’innovazione tecnologica, ma queste devono essere affiancate da politiche attente all’inquinamento e al cambiamento climatico.

Le rinnovabili stanno guadagnando terreno
1-Renewable power capacity and annual growth rate, 2000-2015

La crescita della generazione di energia da fonti rinnovabili nel periodo 2000-2015 (Fonte: Irena, 2016)

 

Secondo Irena, oggi una unità ogni cinque di energia fornita ai consumatori proviene da fonti rinnovabili. “Le fonti rinnovabili stanno guadagnando terreno su quasi ogni misura. Nel 2015, il contributo delle rinnovabili nel mix energetico globale è cresciuto del 9,3 per cento rispetto al 2014. La generazione elettrica da rinnovabili è aumentata di 154 gigawatt. Accelerare il ritmo della transizione energetica e ampliarne il campo di applicazione al di là del settore energetico non solo permetterà di ridurre le emissioni di carbonio, ma migliorerà la vita, creerà posti di lavoro, contribuirà a raggiungere gli obiettivi di sviluppo e di garantire un futuro più pulito e più prospero per tutti”, ha detto Adnan Z. Amin, direttore generale di Irena.

 

Nuovi impianti, le rinnovabili battono le fossili
2-Renewable and non-renewable power capacity additions, 2001-2015

Un confronto tra la nuova capacità installata nel mondo tra il 2001 ed il 2015 in relazione alla fonte di generazione (Fonte: Irena, 2016)

 

La produzione di energia verde sta crescendo a un ritmo senza precedenti: a partire dal 2012, i nuovi impianti di generazione alimentati da fonti rinnovabili hanno prodotto più energia rispetto a quella derivata dalle fonti convenzionali, non-rinnovabili.

E c’è un buon margine di crescita ulteriore. Nel 2015, le fonti rinnovabili hanno rappresentato il 61 per cento di tutta la nuova capacità installata.

 

 

Idroelettrico, eolico, bioenergia e fotovoltaico guidano la produzione di energia pulita
3-Global electricity generation by source, 2015

La produzione di energia elettrica globale per fonte nel 2015 (Fonte: Irena, 2016)

 

A fine 2015, a livello mondiale le rinnovabili hanno fornito il 23,5 per cento di tutta l’elettricità generata nell’anno: 5.660 terawattora sui 24.100 prodotti complessivamente. La quota delle energie rinnovabili nella produzione di elettricità globale è aumentata in modo costate anno dopo anno, in parallelo al consumo totale di energia elettrica, ma rispetto al mix complessivo siamo ancora un’economia fondata sulle fonti fossili.

L’energia idroelettrica ha rappresentato la percentuale maggiore di energia rinnovabile, seguita dall’eolico, dalla bioenergia e dal solare fotovoltaico.

 

Fonte: Lifegate

Data: Febbraio 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
economialavororinnovabili

Articoli correlati

L’Austria ricorre alla Corte di Giustizia europea per le sovvenzioni alla centrale nucleare britannica di Hinkley Point

Il governo austriaco ha deposto una denuncia alla Corte di Giustizia europea contro le sovvenzioni concesse dal governo inglese per la costruzione

Un viaggio dentro la centrale nucleare di Trino Vercellese

Il cielo è grigio e minaccia pioggia, è una di quelle giornate sospese, che non sai bene come andranno a

L’Italia come Pinocchio: 14,7 miliardi l’anno di sussidi alle fonti fossili

Sembra incredibile, ma anche se tutti sanno che il problema da risolvere è tenere sotto terra i combustibili fossili, e