Solar Impulse 2 ce l’ha fatta. L’aereo solare è atterrato alle Hawaii

Solar Impulse 2 ce l’ha fatta. L’aereo solare è atterrato alle Hawaii

Si è conclusa venerdì scorso 3 luglio l’epica avventura di Solar Impulse 2. Alle 5.55 (ora locale delle Hawaii) l’aereo ad energia solare è atterrato dopo un volo durato 5 giorni e 5 notti, dal Giappone alle isole americane, percorrendo esattamente 7212 chilometri, alla velocità media di 61,19 km/h.

Mi sento euforico per questo viaggio straordinario. Ho scalato l’equivalente del monte Everest cinque volte senza molto riposo. La squadra al Mission control center a Monaco (Mcc) era i miei occhi e le mie orecchie. Il MCC ha lavorato per darmi la possibilità di riposare e recuperare, ma anche di massimizzare i livelli di energia del velivolo e inviarmi le traiettorie e le strategie di volo ideali”.

Partito a marzo da Abu Dhabi, Solar Impulse 2 ha raggiunto l’obiettivo: fare il giro del mondo senza usare una goccia di carburante. Certo le condizioni per il pilota sono ancora proibitive per le persone comuni. Una giornata tipica comprendeva circa otto pause da 5 ai 20 minuti di riposo. Un pasto da 2,4 chilogrammi (colazione, pranzo, frutta secca e cioccolato), 2,5 litri d’acqua e 1 litro di integratori. E 30-45 minuti di yoga al giorno per mantenersi in forma nonostante l’immobilità.

Fonte: Life Gate

Data: Luglio 2015

Leggi l’articolo

Guarda il sito di Solar Impulse 2


Tags assigned to this article:
solare

Articoli correlati

Al Gore : le compagnie petrolifere ‘utilizzano l’atmosfera come una fogna a cielo aperto’

Riusciremo a bruciare tutti i combustibili fossili che abbiamo in modo da soddisfare la domanda mondiale di energia, anche se

Meno finanziamenti al carbone per la banca d’affari Citigroup

Citigroup Inc., la terza più grande banca degli Stati Uniti, ha detto che ridurrà il finanziamento ai progetti di estrazione

La sfida dei costi più bassi: le rinnovabili stanno vincendo sui combustibili fossili

I combustibili fossili sono stati per lungo tempo l’avanguardia della produzione di elettricità, ma recenti rapporti e studi hanno concluso