Solar Ventures torna a investire nel fotovoltaico in Italia

Solar Ventures torna a investire nel fotovoltaico in Italia

La società italiana Solar Ventures, tra i pionieri del fotovoltaico, torna a operare e investire sul territorio nazionale con l’obiettivo di sviluppare e costruire un portafoglio di 1 GWp di impianti solari in Italia e Spagna nei prossimi 5 anni, per un investimento complessivo di circa 800 milioni di euro tra equity e debito.

Dopo aver ceduto nel 2016 il proprio portafoglio di impianti di 48 MWp in Italia a Sonnedix e aver puntato su altre aree geografiche quali Middle East e South East Asia, oggi Solar Ventures ha deciso di ri-focalizzare la propria strategia di sviluppo e investimento in Italia. Infatti a seguito della diminuzione del costo dei sistemi fotovoltaici e alla nuova Strategia energetica nazionale (Sen) che punta al forte sviluppo delle rinnovabili – in primis il solare – per compensare il necessario spegnimento progressivo delle centrali a carbone, il mercato solare italiano è fortemente attrattivo con un target di 40 GWp aggiuntivi.

Oggi in Italia si parla di costi della tecnologia che permette di realizzare impianti per meno di 1 milione di euro per MWp e di contratti di PPA di lungo periodo a prezzi di mercato, condizioni che permettono di aver un buon ritorno sull’investimento.

La società guarda con interesse anche al mercato spagnolo dove ha già avviato contatti con partner selezionati per le attività di sviluppo e di costruzione di nuovi impianti.

A livello globale le prospettive di mercato sono più che favorevoli, nel 2016 il fotovoltaico ha registrato 74 nuovi GWp e per il 2040 ci si aspetta oltre 2000 GWp di capacità installata, con un investimento di 2.800 miliardi di dollari.

“Sono particolarmente soddisfatto nel constatare che in cosi poco tempo la market parity sia diventata un realtà in Italia ed in Spagna, è un forte segnale che le rinnovabili – e in particolare il fotovoltaico – rappresentano oggi la soluzione concreta per la transizione energetica. Senza considerare che le fonti fossili continuano a beneficiare di innumerevoli sussidi, solo in Italia parliamo di 14,8 miliardi di euro l’anno, mentre a livello globale l’Agenzia internazionale dell’energia calcola i sussidi sui combustibili fossili consumati nel 2016 in 260 miliardi di dollari. Si dovrebbe quindi parlare di doppia market parity”, ha commentato Michele Appendino Chairman e CEO di Solar Ventures.

Il Management Team di Solar Ventures ha un eccellente track record di 10 anni nelle attività di sviluppo, strutturazione finanziaria, costruzione e gestione degli asset fotovoltaici, la società  si pone oggi come una delle poche piattaforme integrate nel solare presenti in Sud Europa. Nel corso degli anni ha sviluppato 500 MWp, dei quali circa 280 MWp in Europa (Italia e Francia), 120 MWp in Medio Oriente tra Turchia e Giordania e 100 MWp nel Sud East Asiatico (Tailandia e Vietnam).

“Il nostro piano è ambizioso, ma essendo partiti tra i primi abbiamo maturato una notevole esperienza in tutte le fasi del business a livello globale e vogliamo valorizzare il nostro background e la nostra esperienza per diventare uno dei principali operatori fotovoltaici in Sud Europa”, ha aggiunto Appendino.

Solar Ventures è attualmente in trattativa con operatori energetici in Italia per siglare contratti di PPA a lungo termine e ha avviato attività di sviluppo in Italia e Spagna.

Per realizzare il proprio piano strategico Solar Ventures ha iniziato a investire capitali propri e per accelerare la crescita ha in corso contatti con potenziali partner finanziari ed industriali interessati a supportare l’iniziativa nel lungo termine.


Tags assigned to this article:
solare

Articoli correlati

Olanda, il centro eolico diventa un parco divertimenti

Scivoli acquatici, montagne russe, cadute in picchiata dentro cestelli appesi nel nulla, tutto governato da energia alternativa e tutto all’interno

Cosa prevede la nuova strategia energetica dell’Italia

Il governo italiano ha varato la Strategia energetica nazionale (Sen) al 2030 presentata dai due ministri Carlo Calenda (Sviluppo economico)

L’eolico britannico fermato dalla Brexit?

Siemens non farà nuovi piani di investimento sull’eolico nel Regno Unito fino a quando la relazione tra UK ed Unione