Solare sempre più economico in Cile

Solare sempre più economico in Cile

All’ultima asta per l’energia elettrica tenutasi in Cile, un paio di aziende sono riuscite a garantirsi una quota enorme di fornitura e, nella stessa occasione, è stata fissata (a livello mondiale) una offerta che ha segnato il nuovo record del prezzo del solare oltre al fatto che i progetti eolici hanno raccolto un 40% circa dei contratti di fornitura.

Secondo i media, Mainstream Renewable Power Ltd. e Empresa Nacional de Electricidad/Chile SA hanno vinto più dei due terzi dei contratti di fornitura di energia elettrica messi all’asta in Cile.

Nel frattempo, SunEdison ha fatto una nuova offerta per il solare al prezzo record incredibilmente basso di 2.91 ¢/kWh, pari a 29,1 $/MWh. Questa offerta ha battuto quella di 2.99 ¢/kWh del Masdar Consortium applicata in un progetto di energia solare da 800 MW a Dubai all’inizio di quest’anno.

low-solar-bids

Nel complesso, gli enti che hanno presentato proposte all’asta per l’energia elettrica in Cile partecipano alla fornitura totale di 12,34 TWh di elettricità all’anno.

In questa asta, i progettisti hanno dovuto fare offerte per il prezzo dell’energia elettrica senza rivelare la fonte. Il ministro dell’Energia del Cile ha dichiarato che la metà della fornitura di energia elettrica, pari a circa 6,17 TWh, sarà fornita da infrastrutture esistenti, mentre il resto richiederà un investimento di 3 miliardi di dollari.

La Mainstream ha vinto i diritti per la fornitura di 3,7 TWh di energia elettrica ogni anno (il 30% dell’energia elettrica all’asta), mentre Endesa, società controllata da Enel, fornirà 4,9 TWh (pari al 40% dell’elettricità all’asta). C’è stata una correzione significativa nella tariffa in questa asta rispetto a quella precedente. L’offerta media è scesa di circa il 40% sui 47,59 dollari per MWh della precedente.

Per rispondere al contratto di fornitura sottoscritto, Mainstream svilupperà 7 progetti di energia eolica per una capacità totale di 985 MW. Per raggiungere questa capacità, l’azienda si aspetta di investire 1.65 miliardi di dollari nei prossimi 5 anni. L’elettricità generata da questi progetti sarà venduta a tariffe tra i 38,8 ed i 47,2 dollari per MWh.

Endesa venderà 4,9 TWh di energia elettrica ogni anno a una tariffa media di 50,83 dollari per MWh. I rapporti dei media non menzionano il tipo di tecnologia che Endesa utilizzerà per la sua fornitura, ma solare ed eolico sono molto probabili in quanto è difficile pensare a qualsiasi altra cosa che possa stare in competizione a un prezzo così basso. Inoltre, Enel ha commissionato un progetto di energia solare per 160 MW nel paese all’inizio di quest’anno.

Un altro impulso allo sviluppo delle energie rinnovabili può venire dalla spagnola Acciona, che fornirà 506 GWh di energia elettrica ogni anno.

I nuovi impegni di investimento proposti dai progettisti attraverso l’energia rinnovabile, come Mainstream, non costituiscono una sorpresa in un Paese dove il governo ha recentemente approvato una legge che creerà una nuova rete di trasmissione interconnessa da definire insieme ad un nuovo operatore indipendente. Questo farà sì che l’energia generata dai progetti con le rinnovabili nelle regioni remote del paese venga poi distribuita e fornita ai centri abitati.

Fonte: Cleantechnica.com

Data: Agosto 2016

Leggi l’articolo in inglese


Tags assegnati all'articolo:
eolicopolitiche energeticherinnovabilisolare

Articoli Correlati

In arrivo il primo impianto eolico galleggiante in Francia

Dalla redazione di Canale Energia. È stato firmato lo scorso 1° giugno il contratto per la realizzazione del primo impianto

100 modi per dire energia in italiano

La sfida dei mutamenti climatici che convoca a Parigi, per la Cop21, il mondo intero, non è solo una sfida

Rinnovabili, l’Italia ha superato gli obiettivi al 2020

In Italia il contributo delle rinnovabili nei consumi finali di energia è passato dal 6,3 per cento del 2004 al