Strade più verdi con il cemento ‘solare’

Strade più verdi con il cemento ‘solare’

Creare fonti di illuminazione naturale a partire dalle proprietà assorbenti di una versione ecologica del comune cemento. La bioedilizia fa un passo in avanti con il lavoro del dottor José Carlos Rubio, della Universidad Michoacana di San Nicolás de Hidalgo in Messico, che ha di recente brevettato un cemento in grado di auto-illuminarsi per una durata di circa cento anni. “Nove anni fa quando ho iniziato il progetto – ha dichiarato il dottor Rubio al portale scientifico Phys.org – mi sono reso conto che non esisteva niente di simile nel settore. La difficoltà più grande è stata superare il fatto che il cemento rappresentasse un corpo opaco e che non consentiva quindi il passaggio della luce al proprio interno”.

Strade più verdi con il cemento ‘solare’

Per questo motivo lo scienziato ha lavorato a una formula che modificasse la microstruttura del cemento – in particolare quella dei minuscoli cristalli interni – per permetterle di assorbire l’energia solare del giorno e rilasciarla poi all’esterno come luce notturna. Una soluzione che sarebbe composta da una sorta di gel e che effettivamente potrebbe consentire di illuminare le strade solo attraverso la luce naturale, facendo risparmiare alle amministrazioni sensibili costi economici ed energetici.

Il vantaggio in termini ambientali riguarderebbe anche la composizione del nuovo cemento auto-illuminante. Il gelsarebbe infatti prodotto da un mix di sabbia, polvere o argilla, con il solo residuo di vapore.

Al momento la quantità di luce emessa avrebbe una sfumatura di blu o di verde e la stessa intensità sarebbe regolabile per non abbagliare automobilisti e ciclisti. Attualmente sono molti i paesi impegnati nella ricerca di materiali di costruzione innovativi. Secondo lo stesso Rubio il progetto ha ispirato un lavoro scientifico simile condotto dal prestigioso Newton Fund britannico. La scoperta originaria è invece in una fase di commercializzazione.

Fonte: La Stampa

Data: Giugno 2016

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
rinnovabilitecnologiatrasporti

Articoli correlati

Cogliere l’attimo

La maggior parte delle volte, i politici ritoccano le politiche economiche e discutono in modo acceso solo per attuare piccole

Esiste un divario di genere sul nucleare, ma non è quello che si pensa

Morning Consult ha realizzato un sondaggio su atteggiamenti verso l’energia nucleare e, secondo il giornalista Davis Burroughs, ed emerge che

I giovani vogliono lavorare per aziende che risolvono i problemi dell’ambiente (e non li creano)

I giovani vogliono lavorare nelle compagnie legate al settore dell’energia purché siano aziende innovative e, soprattutto, green. È quanto emerge