“Sun in a box” potrebbe aiutare le energie rinnovabili a fornire energia a richiesta

“Sun in a box” potrebbe aiutare le energie rinnovabili a fornire energia a richiesta

L’uso diffuso di energia rinnovabile è fondamentale per un futuro senza emissioni di carbonio che dobbiamo raggiungere per frenare i cambiamenti climatici. Negli ultimi quarant’anni, l’energia pulita è diventata molto più economica ma ci sono ancora piccoli problemi che impediscono che diventi la fonte esclusiva di energia nelle nostre vite. Un problema spinoso è la sua affidabilità. La tecnologia verde è sorprendente ma dipende dal sole e dal vento, quindi i ricercatori si stanno concentrando sui modi per immagazzinare l’energia prodotta e consegnarla ai consumatori quando serve, su richiesta.

Un team di ingegneri del MIT ha ideato un nuovo design concettuale per fare proprio questo. Come riportato in Energy and Environmental Science, prevedono di utilizzare l’elettricità in eccesso generata per riscaldare il silicio fuso incandescente. Quindi, quando necessario, la luce emessa dal metallo fuso potrà essere riconvertita in elettricità.

Si prevede che questo approccio “Sun in a box” sia meno costoso rispetto alle attuali soluzioni. Il team stima che costerà circa la metà dello stoccaggio idroelettrico, attualmente la forma più economica di accumulo di energia su scala di rete. E sarà molto più economico delle batterie agli ioni di litio.

Fonte: IFL Science

Data: Dicembre 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticorinnovabilitecnologia

Articoli correlati

Auto e camion bruciano quasi la metà dell’olio di palma utilizzato in Europa

Una analisi apparsa in uno studio della Commissione europea ha rivelato che l’impatto sul clima del biodiesel ricavato dall’olio di

Il referendum sulle trivelle: alcuni dati sui giacimenti in Italia

Il prossimo 17 aprile gli elettori italiani saranno chiamati a esprimere il proprio voto favorevole o contrario al cosiddetto “referendum

L’enciclica di Francesco: «La terra è ferita, serve una conversione ecologica»

La terra, nostra casa comune, «protesta per il male che provochiamo a causa dell’uso irresponsabile e dell’abuso dei beni che