Trivelle in Adriatico, la Croazia invita Renzi a fermarle

Trivelle in Adriatico, la Croazia invita Renzi a fermarle

Cosa aspetta l’Italia a ritirare le autorizzazioni alle trivelle in Adriatico?

È il grosso interrogativo che pende sul governo dopo che il delegato dell’ambasciata di Croazia in Italia, Llija Zelalic, ha detto in un convegno a Chieti che il suo Paese sta abbandonando i progetti di estrazione dalle profondità marine. Ad onor di cronaca, però, bisogna aggiungere che, successivamente, il ministero degli Esteri croato ha smentito le dichiarazioni, riportate dall’Ansa, del delegato dell’Ambasciata croata in Italia, dicendo che sarebbero state “male interpretate”. Il governo sostiene che la ricerca di idrocarburi non sia stata sospesa: sarebbe stata solo rinviata la firma delle concessioni.

Llija Zelalic ha sostenuto che «il turismo è una risorsa più importante da sviluppare per i Paesi che si affacciano in questo mare. Il petrolio esiste in altri posti».

Un aiuto inaspettato quello che il diplomatico offre ai movimenti che stanno contestando da anni le politiche del governo Renzi sul petrolio. Ma la mano tesa dei croati non è solo quella istituzionale: anche a livello di movimenti si sono intrecciate reti con i balcani. Ieri si sono incontrati i rappresentanti delle organizzazioni e movimenti ambientalisti da Albania, Croazia, Montenegro, Slovenia e Italia che aderiscono al network “Sos Adriatico”. L’intento è quello di dare vita ad una piattaforma comune per difendere il mare dai petrolieri. Per l’Italia erano presenti Legambiente e i movimenti “No Ombrina” e “Trivelle Zero Marche”.

«I governi e le compagnie petrolifere cercano di fuorviare l’opinione pubblica in maniera analoga nei diversi paesi che si affacciano sull’Adriatico – ha detto Mosor Prvan dell’associazione Sunce, che viene da Spalato – È paradossale che in Croazia alcuni politici, per cercare di contrastare le proteste, sostengano che in Italia si autorizzano progetti senza problemi, mentre in Italia con il medesimo intento portano ad esempio proprio la Croazia».

Il processo di esplorazione e di sfruttamento dell’Adriatico, lamentano le associazioni e i movimenti, sta procedendo ovunque in ugual modo: senza trasparenza e informazione da parte delle autorità. Quando le persone si informano, sostiene un’attivista montenegrina, non possono che dirsi contrarie alle trivelle in mare. È così che monta la mobilitazione, un pezzo alla volta. Ma i numeri che fanno in Italia generano stupore e ammirazione dall’altra parte del mare.

 

Fonte: Rinnovabili.it

Data: Novembre 2015

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
acquaambienteCroaziaItaliapetrolio

Articoli correlati

La Danimarca punta dritto verso l’energia pulita

La Danimarca ha puntato verso la transizione a energia rinnovabile più velocemente di qualsiasi altro paese in Europa. La nazione

La domanda di petrolio sta per raggiungere il suo punto massimo

Il picco della domanda mondiale di benzina si realizzerà entro i prossimi 13 anni grazie all’impatto delle auto elettriche e

È finalmente attivato il primo aeroporto ad energia solare del mondo

Se avete seguito le notizie su “Solar Impulse 2”, l’aereo solare che ha circumnavigato il globo, allora sarete felici di