Trump vuole costruire il muro tra Stati Uniti e Messico con pannelli solari

Trump vuole costruire il muro tra Stati Uniti e Messico con pannelli solari

Donald Trump sta valutando l’idea di realizzare il muro di divisione tra Stati Uniti e Messico con pannelli solari. L’annuncio è stato dato durante un suo tour in Iowa. L’energia generata dai pannelli solari dovrebbe servire ad abbassare i costi di realizzazione e manutenzione del muro.

Thomas Gleason, manager della Gleason Partners di Las Vegas è mesi che sta lavorando al progetto di realizzare il muro con pannelli solari, ed è finalmente riuscito a presentare la sua idea a Trump, che l’ha fatta subito sua (Pretty good imagination, right? Good? My Idea). Secondo Gleason, visto l’alto livello di irraggiamento solare dell’area dove si svilupperà il muro, il costo dei pannelli si ripagherebbe nel giro di 3 o 4 anni.

Diversa è l’idea di Gordon Johnson, un analista di New York, che in un articolo su Bloomberg ha fatto qualche calcolo sul muro solare di Trump:

– Un muro alto 40 piedi (12,2 metri) e lungo oltre 1.300 miglia (2.092 chilometri) dovrebbe avere un’area di circa 26 chilometri quadrati.

– I 13.358.136 pannelli da 2 metri quadrati, necessari per coprire l’area, avrebbero una potenza complessiva di 4,7 GW.

– Considerando i costi attuali del solare, il costo del progetto aumenterebbe di 7,6 miliardi di dollari, in aggiunta agli attuali 20 miliardi di dollari già stimati.

Se il progetto venisse realizzato genererebbe 221 milioni di dollari l’anno di profitti che, senza considerare l’inflazione, significherebbe un ritorno degli investimenti in circa 125 anni, ma nessun pannello ha una vita utile di cento anni.

Fonte: Lifegate

Data: Giugno 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
solareStati Uniti

Articoli correlati

Le sfide della transizione energetica

La transizione energetica da un sistema non sostenibile e che fa affidamento sui combustibili fossili a uno completamente green è

Italiano il primo impianto ibrido a tre rinnovabili al mondo

È italiano il primo impianto ibrido al mondo che combina geotermia, fotovoltaico e solare-termico. Si tratta di Stillwater, la pluripremiata

La Germania produce troppa energia rinnovabile e paga chi vuole usarla

Secondo i dati di Agora Energiewende, un istituto di ricerca di Berlino, domenica 15 maggio, dalle ore 2 alle 3