Un rapporto nascosto dal governo britannico rivela che il fracking aumenta l’inquinamento atmosferico

Un rapporto nascosto dal governo britannico rivela che il fracking aumenta l’inquinamento atmosferico

Un rapporto tenuto nascosto per tre anni dal governo britannico e rilasciato solo quattro giorni dopo che i ministri hanno approvato il fracking nel Lancashire sostiene che l’estrazione di gas di scisto porti ad un aumento dell’inquinamento atmosferico.

Il rapporto, scritto dal Air Quality Expert Group (AQEG) del governo, è stato consegnato ai ministri nel 2015, ma è stato pubblicato senza alcuna pubblicità lo scorso 27 luglio. Il 24 luglio, l’ultimo giorno dell’anno parlamentare, è stato approvato il primo permesso per un nuovo regime di regolamentazione a Cuadrilla, compagnia impegnata nel settore del fracking.

Il segretario per l’ambiente ombra laburista, Sue Hayman, ha dichiarato: “La decisione di concedere una licenza a Cuadrilla deve essere urgentemente riconsiderata”.

“C’è un modello emergente, in cui gli annunci governativi poco amichevoli dal punto di vista ambientale vengono programmati in modo da anticipare i preoccupanti rapporti degli esperti”, ha detto Hayman. “La decisione sulla terza pista di Heathrow è stata presa alcuni giorni prima che la commissione per i cambiamenti climatici riferisse sul pericolo di emissioni di CO2”. Un governo laburista vieterebbe il fracking.

Fonte: The Guardian

Data: Settembre 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
Gran Bretagnainquinamentopolitiche energetiche

Articoli correlati

Greenpeace: «I grandi inquinatori scrivono le norme sui limiti di emissioni dell’Ue»

L’Unione europea sta definendo i nuovi standard di emissioni per le centrali a carbone, ma secondo il rapporto “Smoke &

La mossa a sorpresa del governo canadese che si piega all’industria del petrolio

Una mossa a sorpresa, ma non una bella sorpresa quella del Canada. Il governo canadese ha acquistato dalla società americana

Trump rilancia la costruzione degli oleodotti americani

Donald Trump ha firmato l’atto che rimette in campo la costruzione degli oleodotti Keystone XL e Dakota Access.  Secondo quanto