Un traino alle rinnovabili

Un traino alle rinnovabili

La caduta dei prezzi del petrolio e del gas proietta ombre minacciose anche sulle energie rinnovabili, ma un po’ meno preoccupanti di quanto molti potrebbero pensare .

È vero, negli ultimi mesi il valore di Borsa di molte società impegnate nel solare o nell’eolico è caduto, e gli investimenti nel settore appaiono a rischio, complice la riduzione dei sussidi diretti e indiretti alle due fonti da parte di molti governi. E purtroppo, petrolio e gas a buon mercato rendono meno conveniente ricorrere alle rinnovabili da un punto di vista puramente economico.

Fu proprio il collasso dei prezzi del greggio del 1986 a uccidere il primo grande boom di solare e eolico, che aveva avuto come epicentro mondiale la California e come innesto iniziale i prezzi stellari del greggio raggiunti negli anni Settanta, frutto dei due shock petroliferi passati alla storia. Ma attenzione alle similitudini apparenti e alle facili deduzioni, perché per le rinnovabili ci sono buone notizie che rendono del tutto improbabile il ripetersi di uno «scenario californiano».

Sopra ogni altra considerazione, i costi di solare e eolico sono crollati negli ultimi 15 anni, e sono 25 volte inferiori a quelli degli anni Ottanta.

Nelle aree migliori, l’energia eolica ha ormai raggiunto la parità di rete, ed è quindi sostanzialmente competitiva con i costi delle fonti fossili. Non è molto amata dagli stessi ambientalisti per l’impatto sull’ambiente che il suo sfruttamento richiede (pochissimi nel mondo amano le immense distese di pale eoliche) e rimane una fonte intermittente – in grado di generare elettricità solo quando c’è vento. Ma ormai è una realtà consolidata dal punto di vista economico.

Molto più interessante il caso dell’energia solare, che impatti ambientali non ne ha.

I costi del solare fotovoltaico sono scesi del 70 percento dal 2000 al 2014, e oggi anche i pannelli più efficienti si producono a costi inferiori a un dollaro per megawatt (MW) – che possono scendere a 50 cent per quelli con efficienza più bassa di qualche punto percentuale. Certo, i costi di istallazione e gli iter burocratici possono far lievitare il prezzo reale per l’acquirente anche a 5-7 dollari per MW, almeno per i pannelli da istallare sui tetti. Ma la vera rivoluzione si sta realizzando nelle centrali elettriche fotovoltaiche, dove i costi totali si stanno rivelando straordinariamente bassi. E non si tratta di stime fatte da ambientalisti irragionevoli, ma dall’esito di alcune gare per la costruzione di centrali solari concluse negli ultimi mesi del 2014.

Fonte: Sole 24 Ore

Data: Gennaio 2015

Leggi l’articolo 


Tags assigned to this article:
eolicopetroliosolare

Articoli correlati

Trivelle sì, trivelle no. I punti di vista

Abbiamo intervistato Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo di Greenpeace Italia, e Alberto Clô, professore di Economia Applicata all’Università di Bologna, sulle

Banca d’Inghilterra valuta i rischi di una bolla legata ai combustibili fossili

La Banca d’Inghilterra ha condotto un’inchiesta relativa al rischio di un crollo economico delle compagnie che operano nel settore dei

Cosa prevede il nuovo accordo europeo sulle energie rinnovabili al 2030

È stato raggiunto l’accordo europeo tra Parlamento europeo, Commissione europea e Consiglio europeo su quella che la sarà la transizione