Crescita e investimenti senza precedenti per le rinnovabili

Crescita e investimenti senza precedenti per le rinnovabili

Bloomberg New Energy Finance lo aveva annunciato all’inizio del 2016: in barba al crollo del prezzo del petrolio, lo scorso anno le energie rinnovabili sono cresciute a livelli record , accorciando il gap economico che le separa dalle fonti fossili. Per chi ancora non credesse nelle opportunità delle fonti alternative, a rimarcare le ottime performance ci pensa il nuovo report di REN21.

Il documento, disponibile sul sito dell’organizzazione, conferma i dati preliminari di Bloomberg (numero più, numero meno). Il 2015 è stato un anno record per impianti alimentati a energie rinnovabili, la cui capacità ha raggiunto la più alta crescita mai registrata: più 147 GW di nuove istallazioni.

Il mix energetico mondiale può contare ora su una capacità cumulata totale di oltre 1,8 TW.

E non sono solo eolico e fotovoltaico a far parlare di sé. Della partita sono anche le rinnovabili termiche, in lento ma progressivo aumento, così come le green energy impiegate nel settore dei trasporti. Altro dato positivo, la generazione distribuita sta avanzando rapidamente, colmando il divario tra chi ha e chi non ha accesso all’energia.

Questi risultati, chiarisce REN21, si devono attribuire a diversi fattori. In primo luogo, le fonti rinnovabili sono ormai competitive con i combustibili fossili in molti mercati. Inoltre, la pressione della questione climatica sta indirizzando un numero sempre maggiore di paesi a inserire la componente verde nelle proprie politiche di crescita. Agli inizi del 2016, 173 paesi risultavano aver stabilito precisi obiettivi di energia rinnovabile e 146 Nazioni, politiche di sostegno. Inoltre un numero crescente di città, comunità e aziende tiene le redini di una rivoluzione dal basso che punta al target “100% rinnovabili”, giocando un ruolo fondamentale nel promuovere la transizione energetica globale.

Ma il 2015 non è stato un anno record solo per le nuove installazioni. Sul fronte finanziario, le fonti alternative hanno raccolto 286 miliardi di dollari in investimenti. E il dato è parziale, dal momento che non conta le grandi centrali idroelettriche e le fer termiche.

“Quello che appare davvero notevole in questi risultati – spiega Christine Lins, Segretario esecutivo della REN21 – è che essi sono stati raggiunti in un momento in cui i prezzi dei combustibili fossili erano ai minimi storici, e le fonti rinnovabili sono rimaste in svantaggio significativo in termini di sussidi governativi. Per ogni dollaro speso incrementare le rinnovabili, ne sono stati versati quasi quattro per mantenere la nostra dipendenza dai combustibili fossili”.

Fonte: Rinnovabili.it

Data: Giugno 2016

Leggi l’articolo

Leggi il report di REN21


Tags assigned to this article:
datiinvestimentirinnovabili

Articoli correlati

L’industria del petrolio e del gas ha sostenuto con milioni di dollari le campagne repubblicane

I milionari dei combustibili fossili hanno destinato collettivamente più di 100 milioni di dollari per sostenere gli sforzi dello scorso

L’eolico britannico batte il carbone senza appello

Nell’anno appena concluso le centrali eoliche del Regno Unito hanno generato più elettricità delle centrali a carbone, un fatto mai

Rapporto WHO 2012: sette milioni i morti per l’inquinamento atmosferico

Secondo l’ultima valutazione della WHO (World Health Organization) presentata a Ginevra, ogni otto morti avvenute nel 2012 una era legata all’inquinamento atmosferico, da