Una squadra di ragazze inventa la tenda a energia solare per i senzatetto

Una squadra di ragazze inventa la tenda a energia solare per i senzatetto

Hanno coibentato la struttura, l’hanno dotata di pannelli solari, di alcune luci, di due porte USB, di un sistema di bloccaggio per la sicurezza e di un sistema di sanificazione a raggi UV; ci hanno lavorato per un anno sei giorni alla settimana, trovandosi anche durante i periodi di pausa invernale o primaverile; hanno saldato, cucito, stampato in 3D ed eseguito i test di controllo della qualità: tutte operazioni che mai avevano fatto prima in vita loro. Alla fine, la loro perseveranza ha dato i suoi frutti e 12 ragazze delle scuole superiori dell’istituto San Fernando, a circa 20 miglia a nord-ovest del centro di Los Angeles, in California, sono riuscite a realizzare una tenda a energia solare che si ripiega in uno zaino e serve da riparo ai senzatetto.

Familiarizzare con scienza e tecnologia per cogliere le opportunità della digitalizzazione

Le dodici ragazze coinvolte nel progetto con i loro supervisori fanno parte di un’organizzazione senza scopo di lucro che si chiama “DIY Girls” che lavora per stimolare le giovani donne verso carriere scolastiche e professionali nel settore scientifico, tecnologico, ingegneristico o matematico. Su questi ambiti, indicati con l’acronimo STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematica), si stanno concentrando le attenzioni di imprese, mondo del lavoro, enti di istruzione e formazione etc. per cogliere, attraverso la formazione di competenze adeguate, quelle opportunità che la quarta rivoluzione industriale fondata sulla digitalizzazione porta con sé.

Una tenda solare per i senzatetto della propria città

L’idea del progetto su cui lavorare è venuta alle ragazze perché volevano costruire qualcosa che potesse fare la differenza per le persone. Inizialmente pensavano di realizzare un progetto orientato a combattere l’inquinamento o migliorare la qualità dell’acqua, poi hanno deciso di puntare su qualcosa che potesse aiutare direttamente la loro comunità. L’idea di costruire un riparo sicuro per i senzatetto, in cui poter anche alimentare piccoli elettrodomestici o utilizzare una piccola luce grazie all’energia solare, e soprattutto una “casa” facilmente trasportabile da un’area a un’altra della città, le ha conquistate e così si sono messe al lavoro.

Fonte: Lifegate

Data: Novembre 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
fotovoltaicosolaretecnologia

Articoli correlati

La battaglia dei led l’Europa rinvia al 2018 le lampade ad alto consumo

Slitta di due anni la messa al bando delle lampadine ad alto consumo. Il pressing dei produttori. Il passaggio avrebbe

Nonostante il grande rumore sulle rinnovabili, il settore pianifica 2.500 centrali a carbone

Dal nostro corrispondente Eric J. Lyman (@EricJLyman) PARIGI – Nel mondo ci sono circa 2.500 impianti a carbone in fase di realizzazione che

Inaugurato nel veronese l’impianto eolico condiviso, realizzato con l’emissione di un bond

Agsm Verona ha inaugurato il nuovo impianto eolico di Monte delle Danzie, ad Affi veronese, un impianto condiviso che sarà