Ventitré grandi società pronte ad abbandonare il carbone

Ventitré grandi società pronte ad abbandonare il carbone

Ventitré grandi imprese e multinazionali hanno annunciato il loro impegno ad abbandonare il carbone nel corso del One Planet summit che si è tenuto il 12 dicembre a Parigi e promosso dal presidente francese Emmanuel Macron. Il summit è arrivato a un mese dalla Cop 23 di Bonn, in Germania, ed è stato il palcoscenico per portare avanti le promesse e trasformandole in fatti concreti, sulla falsa riga della Powering past coal alliance, l’alleanza internazionale di stati per il superamento dell’uso del carbone.

Tutti uniti contro il carbone: stati e imprese

Oggi sono circa 30 gli stati – tra cui l’Italia, il Regno Unito, la Francia, il Messico, la Nuova Zelanda e il Canada – che hanno sottoscritto la dichiarazione dell’alleanza che fissa al 2030 l’uscita dal carbone per i paesi industrializzati e al 2050 per i paesi in via di sviluppo. A questi stati, al summit di Parigi si sono aggiunte 23 grandi società, tra cui la società energetica francese Edf e quella spagnola Iberdrola, Unilever, BT, Marks & Spencer e Virgin Group, ma nessuna italiana.

Le società si impegnano a definire gli step per cessare l’uso di carbone nel settore elettrico, sia in termini di consumi sia in termini di generazione elettrica. Il carbone, tuttavia, continuerà a essere utilizzato a patto che le emissioni di CO2 derivanti dal suo utilizzo vengano catturate e stoccate.

Fonte: Lifegate

Data: Gennaio 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
carboneemissioniindustria

Articoli correlati

Vegetariano, vegano o “climatarian”?

Climatarian in italiano non si traduce. La nostra lingua, avida normalmente di termini presi in prestito dall’inglese, stavolta ha fatto

Negli Usa solare ed eolico crescono più velocemente dei combustibili fossili

Dal 2008 a oggi la capacità eolica e solare negli Usa è triplicata, e  oggi risultano più economiche rispetto al carbone. Ora,

Haiti sceglie l’elettricità pulita al 100%

Le rinnovabili ad Haiti sono l’occasione di rinascita per un territorio devastato dai fenomeni naturali. L’isola nell’estate 2004 era stata