Ventitré grandi società pronte ad abbandonare il carbone

Ventitré grandi società pronte ad abbandonare il carbone

Ventitré grandi imprese e multinazionali hanno annunciato il loro impegno ad abbandonare il carbone nel corso del One Planet summit che si è tenuto il 12 dicembre a Parigi e promosso dal presidente francese Emmanuel Macron. Il summit è arrivato a un mese dalla Cop 23 di Bonn, in Germania, ed è stato il palcoscenico per portare avanti le promesse e trasformandole in fatti concreti, sulla falsa riga della Powering past coal alliance, l’alleanza internazionale di stati per il superamento dell’uso del carbone.

Tutti uniti contro il carbone: stati e imprese

Oggi sono circa 30 gli stati – tra cui l’Italia, il Regno Unito, la Francia, il Messico, la Nuova Zelanda e il Canada – che hanno sottoscritto la dichiarazione dell’alleanza che fissa al 2030 l’uscita dal carbone per i paesi industrializzati e al 2050 per i paesi in via di sviluppo. A questi stati, al summit di Parigi si sono aggiunte 23 grandi società, tra cui la società energetica francese Edf e quella spagnola Iberdrola, Unilever, BT, Marks & Spencer e Virgin Group, ma nessuna italiana.

Le società si impegnano a definire gli step per cessare l’uso di carbone nel settore elettrico, sia in termini di consumi sia in termini di generazione elettrica. Il carbone, tuttavia, continuerà a essere utilizzato a patto che le emissioni di CO2 derivanti dal suo utilizzo vengano catturate e stoccate.

Fonte: Lifegate

Data: Gennaio 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
carboneemissioniindustria

Articoli correlati

Quando la tecnologia è smart e fa risparmiare

Energia non significa solo produzione ma anche consumo e di conseguenza efficienza e risparmio energetico. Riuscire a gestire l’energia è

Il “big solar” sta per raggiungere i 100 gigawatt di potenza installata

Nel momento in cui il grande mercato solare dell’Australia si sta preparando per un 2017 potenzialmente enorme, il 2016 è

Giappone: la questione nucleare torna centrale

Oltre 18 mila morti. Intere città e villaggi distrutti. Il disastro di Fukushima è il più grave che abbia colpito il Giappone