Via libera a Hinkley Point: la centrale nucleare più costosa della storia

Via libera a Hinkley Point: la centrale nucleare più costosa della storia

Sarà costruita nel sudovest dell’Inghilterra (Regno Unito) la nuova centrale nucleare di Hinkley Point che il governo britannico ha approvato accogliendo il controverso piano di Électricité de France (Edf) e del suo partner cinese, la Chine General Nuclear Power Corporation (Cgnpc). Saranno costruiti due reattori nucleari che, una volta in funzione, dovrebbero garantire il 7 per cento del fabbisogno energetico del Regno Unito. Un lavoro di costruzione che durerà 10 anni se verranno rispettati i tempi e che costerà 18 miliardi di sterline, circa 24 miliardi di dollari.

Qualche mese fa, la decisione era stata rimandata dallo stesso primo ministro britannico, Theresa May, che aveva deciso di prendersi il tempo necessario per rivedere il progetto approvato dal suo predecessore, David Cameron. L’ex primo ministro lo aveva promosso come uno dei modi più efficaci per ridurre le emissioni di CO2. Le preoccupazioni maggiori riguardavano la portata del finanziamento e se il coinvolgimento di un colosso cinese in una centrale nucleare in territorio patrio fosse o meno un rischio per la sicurezza.

Hinkley point, costi e sicurezza fanno preoccupare

Il progetto della nuova centrale prevede che i 18 miliardi di sterline (circa 21 miliardi di euro) necessari vengano finanziati per due terzi dalla francese Edf e per un terzo dalla cinese Cgnpc che ne firmerà anche la tecnologia. Al di là dei costi di costruzione, il conto per le casse pubbliche dovrà considerare anche quelli per gli incentivi: Londra garantirà a Edf di vendere l’energia prodotta dalla centrale a 92,5 sterline (circa 108 euro) a megawattora per i prossimi 35 anni, più del doppio dei prezzi correnti di mercato. Cosa che non convince molti osservatori che avrebbero preferito destinare la stessa spesa alle rinnovabili e al loro sviluppo. Già un anno fa, Bloomberg new energy finance aveva calcolato che il Regno Unito avrebbe potuto generare energia elettrica sei volte quella del reattore nucleare di Hinkley Point se solo avesse investito gli stessi soldi nell’eolico.

Fonte: Lifegate

Data: Settembre 2016

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
Gran Bretagnanuclearepolitiche energetiche

Articoli correlati

Il boom del carbone che soffoca la Cina

I minatori cinesi hanno scavato lo scorso anno 3,87 miliardi di tonnellate di carbone: una quantità più che sufficiente per garantire

La spinta sul clima del Papa in contrasto con gli investimenti petroliferi dei cattolici americani

Nel mese di giugno, Papa Francesco ha rincuorato gli ambientalisti di tutto il mondo, quando ha esortato un intervento immediato

Negli Usa solare ed eolico sono più competitivi rispetto alla fonti fossili

Negli Stati Uniti negli ultimi 5 anni il costo della fornitura di energia elettrica da impianti eolici e solari è