Perché gli scienziati del clima hanno ragione sulle previsioni di innalzamento delle temperature

Perché gli scienziati del clima hanno ragione sulle previsioni di innalzamento delle temperature

Un concetto chiave che gli scienziati del clima e i politici utilizzano per prevedere il futuro riscaldamento globale, e stimare di quanto dovremmo ridurre le emissioni di gas serra, è il concetto noto come “sensibilità climatica”.  In poche parole, il cambiamento di temperatura conseguente a un raddoppio della concentrazione di CO2 atmosferica. Gli esperti del “United Nations’s Intergovernmental Panel on Climate Change” stimano per un raddoppio delle concentrazioni di CO2 in atmosfera, un aumento delle temperature tra   1,5-4,5 gradi Celsius.

Attualmente le stime sono di superare il raddoppio delle concentrazioni di CO2 in atmosfera rispetto ai livelli preindustriali, entro la meta del secolo.

But given how complex the climate system is, how do we know that the IPCC’s sensitivity estimate holds true? There’s a lot at stake — if the scientists are overestimating the climate sensitivity then global warming might be less worrying. No wonder that climate “skeptics” have often cast doubt on the matter.

Ma data la complessità del sistema climatico, come si fa a sapere se le stime fatte dall’IPCC sono vere? La posta in gioco è alta, se gli scienziati stanno sopravvalutando la sensibilità climatica il riscaldamento globale potrebbe essere meno preoccupante. Non c’è da stupirsi che gli scettici del cambiamento climatico abbiano dubbi a proposito.

Per studiare la sensibilità del clima, i ricercatori si basano su principi di fisica e di chimica. Ma non solo, osservano anche gli andamenti  del clima del passato per vedere come rispondono ai cambiamenti di concentrazioni di CO2.

 

Fonte: The Washington Post

Data: Febbraio 2015

Leggi l’articolo in inglese

 


Tags assigned to this article:
cambiamento climatico

Articoli correlati

Una politica per limitare le emissioni di anidride carbonica e salvare il pianeta

Le negoziazioni internazionali sul tema del cambiamento climatico sono incentrate attorno al mantenimento del riscaldamento globale entro 2°C rispetto i

Fondo Monetario Internazionale: il momento per una carbon tax mondiale è ora

Intervenendo all’annuale meeting del Fondo monetario internazionale (Fmi) e della Banca Mondiale, tenutosi a Lima, la direttrice dell’Fmi, Christine Lagarde,

Etichette energetiche elettrodomestici: le lobbies contro i consumatori

Ci sono dettagli che il consumatore non coglie. La guerra in corso tra i deputati del Parlamento europeo sulla revisione