11 miliardi di euro e 20mila nuovi posti di lavoro, è il potenziale del fotovoltaico italiano

11 miliardi di euro e 20mila nuovi posti di lavoro, è il potenziale del fotovoltaico italiano

“Mettere mano al parco fotovoltaico italiano utility scale, che oggi assicura quasi la metà della potenza complessiva, significa garantire non solo il rispetto degli obiettivi europei e nazionali su energia e clima e quello della sicurezza del sistema energetico, ma anche creare valore per le imprese e per l’intero sistema Paese attraverso la creazione di migliaia di posti di lavoro”, sono le parole di Alessandro Marangoni, amministratore delegato di Althesys e coordinatore della ricerca presentata da Althesys che ha calcolato i dati sulla base del valore generato dalle ricadute economiche.

Il rilancio e lo sviluppo del fotovoltaico di grande taglia, dunque, potrebbero generare 11 miliardi di euro e 20mila nuovi posti di lavoro (tra diretti e indiretti), con una riduzione delle emissioni di 12,8 megaton (Mton) di gas serra, di CO2.

Il fotovoltaico italiano perde potenza

Il parco fotovoltaico italiano, nonostante abbia un’età media ancora bassa e compresa tra gli 8 e i 10 anni, con 5,5 anni l’età media degli impianti utility scale, mostra diverse criticità che ne limitano in parte l’efficienza con un decadimento della produzione stimabile nel 2,2 per cento annuo al 2016, ben superiore al valore fisiologico previsto al momento dell’installazione.

Con questo trend al 2030 la perdita totale ammonterebbe a 5mila megawatt, pari al 25 per cento della potenza esistente a fine 2017. Valori che non ci permetterebbero di raggiungere gli obiettivi della Strategia energetica nazionale secondo i quali la produzione energetica dovrebbe più che triplicare rispetto a quella attuale.

Sono ben il 40 per cento del totale (tra i 2,5 e i 3,3 gigawatt) gli impianti utility scale affetti da problematiche che determinano una riduzione dell’efficienza di produzione, con un costo complessivo per l’ammodernamento che, secondo le stime, si aggirerebbe tra 220-270 milioni di euro.

È necessario rendere i parchi fotovoltaici esistenti più moderni

Nel 2017 sono stati installati 409 nuovi megawatt, di cui il 16 per cento con potenza superiore a un megawatt, ma circa 19 megawatt usciranno dall’incentivazione tra il 2029 e il 2035. Questi ultimi potranno continuare a produrre se mantenuti efficienti, dato che la loro vita utile è stimabile in 25-30 anni.

Fonte: Lifegate

Data: Luglio 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
Italialavorosolare

Articoli correlati

L’Iea sottovaluta costantemente l’apporto dell’energia eolica e del solare. Perché?

L’Agenzia internazionale per l’energia (Iea) è stata creata nel 1974 dai Paesi che avevano appena vissuto una crisi petrolifera che

Il ruolo chiave per l’Europa dell’energia geotermica

EGEC, il Consiglio Europeo per l’energia geotermica, ha pubblicato la settima edizione del suo annuale studio che valuta lo sviluppo

Le chiare idee della Generazione Z sui trasporti

Dalla redazione di Canale Energia La generazione Z si aspetta di più dal sistema di trasporto europeo. La fascia di