Assicurazioni per le popolazioni più povere come risposta ai danni causati dai cambiamenti climatici

Assicurazioni per le popolazioni più povere come risposta ai danni causati dai cambiamenti climatici

Gli sforzi per assicurare le persone più deboli, come i contadini poveri, contro i danni provocati dalle condizioni meteorologiche estreme e altri rischi climatici stanno procedendo velocemente, in base a un impegno del recente G7 di estendere la copertura assicurativa nei paesi in via di sviluppo e al recente forum globale del settore assicurativo.

Il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon parlando a New York ai dirigenti delle assicurazioni ha detto che le loro imprese potrebbero svolgere un ruolo importante nel facilitare l’onere finanziario associato alle catastrofi, proteggendo le persone che ne vengono colpite.

Il settore assicurativo può e deve svolgere un ruolo forte nel plasmare un futuro più sostenibile, diventando una delle principali fonti di investimento a lungo termine”, ha detto in un discorso.

La protezione assicurativa può essere un passaggio relativamente semplice nei paesi ricchi dove la copertura delle famiglie e delle loro case o attività è alta, nonostante il peggioramento delle condizioni generali con un aumento di inondazioni, siccità e tempeste che hanno complicato anche lì il mercato assicurativo.

Una sfida molto più dura è quella di definire come raggiungere quei milioni di persone che vivono nei paesi poveri, che non hanno accesso ai servizi finanziari e non possono permettersi di pagare i premi.

“In tutto il mondo vi è una crescente necessità di tamponare i danni creati dagli shocks climatici. Ciò vale in particolare per i gruppi a basso reddito che vivono in prima linea il cambiamento climatico”, ha detto Koko Warner, direttore esecutivo dell’iniziativa Munich Climate Insurance (MCII)  che ha lavorato per un decennio per definire soluzioni assicurative per le comunità più esposte.

 

Fonte: Thomson Reuters Foundation

Data: Giugno 2015

Leggi l’articolo in inglese

Leggi il discorso del Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon in inglese


Tags assigned to this article:
ambientecambiamento climaticoimpattiinvestimenti

Articoli correlati

L’80% di energia necessaria al Regno Unito da fonti rinnovabili e senza Hinkley

Entro 15 anni, il Regno Unito potrebbe generare più dell’80% della sua energia elettrica attraverso l’eolico, il solare e le

Asia: l’elevato uso del carbone potrebbe ridurre le piogge

Dalla redazione di Canale Energia. Nonostante la sempre maggiore diffusione a livello mondiale delle rinnovabili il carbone resta in Asia

Ecco quanto è lontano il mondo dal raggiungere i suoi obiettivi climatici

Due anni dopo che diversi Paesi del mondo hanno firmato l’importante accordo sul clima a Parigi, il mondo rimane molto