Come si riuscirà a rimanere in pista tra Parigi e Marrakech?

Come si riuscirà a rimanere in pista tra Parigi e Marrakech?

È chiaro che l’accordo di Parigi è stato un grande traguardo politico e che ha tutto il potenziale per riorientare gli sforzi globali attorno ad uno dei problemi più difficili che l’umanità abbia mai affrontato. 195 paesi hanno accettato di affrontare il tema del cambiamento climatico e 175 hanno posto la firma all’accordo già il primo giorno possibile: tutto questo definisce una solida piattaforma per combattere il cambiamento climatico a lungo termine. Tuttavia, la geofisica interessa poco ai traguardi politici.

Molto più lavoro, e molto più velocemente, è necessario fare per limitare il riscaldamento a 1,5°C, soprattutto perché abbiamo già raggiunto nel 2015 quell’1°C di variazione. Gli impegni correnti (Indcs) lasciano ancora che il mondo corra a raggiungere i 3°C e più di riscaldamento. La storia giudicherà l’accordo di Parigi non per quello che è successo a Parigi nel dicembre del 2015, ma per quello che i governi, le imprese e gli altri attori riusciranno, e quanto più rapidamente, a raggiungere gli ambiziosi risultati.

Parigi

Fonte: Wwf

Data: Maggio 2016

Guarda l’infografica

Leggi il documento


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticoCOP21infografica

Articoli correlati

Le 10 più grandi compagnie petrolifere e del gas del mondo

Questa infografica non classifica solo i produttori di petrolio in base ad esempio al numero di barili prodotti al giorno,

Uruguay, un intero paese ad energia rinnovabile

Dopo il definitivo addio del Costa Rica ai combustibili fossili, anche l’Uruguay incrementa le fonti rinnovabili; la decisione di entrambi

La sensibilità al clima degli ecosistemi di tutto il mondo

La Terra è coperta da una grande varietà di ecosistemi, dalle lussureggianti foreste pluviali dei tropici dove il clima è