Confermato: i terremoti in Oklahoma sono causati dal fracking

Confermato: i terremoti in Oklahoma sono causati dal fracking

Il numero di terremoti in Oklahoma ha registrato un aumento esponenziale. In concomitanza della considerevole attività di fracking nello stato, si è passati da una media di due terremoti all’anno con scosse di magnitudo superiori a 3.0 a 585 registrati lo scorso anno. Nonostante questo lo Stato aveva smentito ufficialmente che il fracking potesse essere la causa.

Note: Only Earthquakes with a magnitude of 3.0 and higher are displayed. Map credit: Oklahoma Office Of The Secretary Of Energy & Environment
“Oklahoma experienced 585 magnitude 3+ earthquakes in 2014 compared to 109 events recorded in 2013.” Note: Only Earthquakes with a magnitude of 3.0 and higher are displayed. Map credit: Oklahoma Office Of The Secretary Of Energy & Environment

Ora lo Stato non solo ha ammesso che l’iniezione dei sottoprodotti di fluido da operazioni di perforazione in pozzi sotterranei profondi è causa dei terremoti, ma ha creato un sito web chiamato Earthquakes in Oklahoma, che è una fonte unica di informazioni sui terremoti in Oklahoma. Il sito riporta una mappa interattiva che visualizza il drastico cambiamento non solo nel numero dei terremoti ma nella loro distribuzione. Invece di registrare una dispersione in tutto lo stato, i terremoti sono raggruppati pesantemente nelle zone dove le operazioni di perforazione prevedono lo smaltimento delle acque reflue del fracking .

Il nuovo sito, in un post del 21 aprile, scrive “La ricerca geologica in Oklahoma ha rivelato che la maggior parte dei recenti terremoti nel centro e centro-nord dell’Oklahoma sono stati probabilmente innescati da iniezione di acqua in pozzi di smaltimento”.

Fonte: Eco Watch

Data: April 2015

Leggi l’articolo in inglese

Leggi anche l’articolo “Usa, c’è un legame tra il fracking per estrarre petrolio e l’aumento dei terremoti”


Tags assigned to this article:
ambientefracking @it

Articoli correlati

L’energia pulita ed economica è già qui. Perché non prenderne atto?

Negli ultimi otto anni il mondo dell’energia pulita ha cambiato passo, inferendo un duro colpo ai combustibili fossili. Le rinnovabili,

I climatologi negano l’esistenza di Donald Trump

Il mondo scientifico nega l’esistenza di Donald Trump. Cinquecento tra climatologi, geologi e scienziati vari si sono riuniti la settimana

​L’inquinamento costa all’Italia 43 miliardi l’anno, 2,5 punti di Pil

Ogni anno l’inquinamento in Italia  costa in media 43 miliardi di euro,  circa 2,5 punti di Pil, con un bilancio