Decollato l’aereo a energia solare che farà il giro del mondo

Decollato l’aereo a energia solare che farà il giro del mondo

Il giro del mondo senza una goccia di carburante, volando per 35mila chilometri con la sola energia del sole. La sfida del “Solar Impulse” è iniziata. L’aereo, alimentato esclusivamente ad energia solare e progettato per restare in volo giorno e notte senza carburante fossile, è decollato alle 4:30 del mattino da Abu Dhabi.

L’obiettivo dei due piloti-pionieri svizzeri, Bertrand Piccard e André Borschberg, è circumnavigare il globo in cinque mesi e in 12 tappe. I due piloti si alterneranno alla guida per 5.000 chilometri e il rientro ad Abu Dhabi è previsto a metà dell’anno. La sfida vuole dimostrare su scala mondiale che con le energie rinnovabili si può raggiungere l’impossibile e puntando sulle tecnologie pulite, unite a uno spirito pionieristico, si può davvero cambiare il mondo.

Guarda la diretta streaming del volo

Schermata 2015-03-10 alle 12.06.31

 

Il velivolo raggiungerà Muscat (Oman), Ahmedabad e Varanasi (India), Mandalay (Birmania), Chongqing e Nanchino (Cina). Da qui, dopo aver attraversato il Pacifico passando per le Hawaii, farà tre soste negli Usa, di cui una all’aeroporto Jfk di New York, e una tappa in Europa meridionale o in Africa del nord, in base alle condizioni meteo. Se tutto andrà secondo i piani, ad agosto Borschberg e Piccard rientreranno ad Abu Dhabi con in tasca un record mondiale.

Fonte: La Stampa

Data: Marzo 2015

Leggi l’articolo

Foto credit: Solarimpulse.com


Tags assigned to this article:
solare

Articoli correlati

Energy Test

Quanto sei informato sulle questioni energetiche? Rispondi a questo veloce test per vedere il tuo livello di conoscenza sull’argomento!  

Per Hinkely Point tra Gran Bretagna e Austria è “guerra nucleare”

La Gran Bretagna sembra veramente disposta a tutto per avere una nuova centrale nucleare: non solo ad incentivarla ben più generosamente delle

Glasgow, prima università d’Europa ad abbandonare gli investimenti nelle fossili

L’Università di Glasgow è diventata la prima istituzione accademica in tutta Europa a dire no agli investimenti nell’industria dei combustibili fossili.