Energia, nel 2030 le rinnovabili varranno il 22% della produzione mondiale

Energia, nel 2030 le rinnovabili varranno il 22% della produzione mondiale

Il presidente dell’Unione Petrolifera Italiana Alessandro Giolitti ha tracciato per il vecchio continente uno scenario al 2030 che vedrà i consumi stabilizzarsi con un mix diverso rispetto a quello attuale: il gas naturale diventerà la prima fonte con un peso del 26-28%, seguono le rinnovabili che continueranno il decollo raggiungendo dal 21 al 27% della copertura energetica complessiva. Il petrolio arretrerà sensibilmente, fino al 23-26% (siamo ora al 32%) rimanendo però egemone nei trasporti. Ma, paradossalmente, proprio sul petrolio, o meglio sul più corretto e più efficiente uso del petrolio, dovremo puntare per tentare di centrare gli obiettivi ambientali dell’Europa al 2050.

Nel 2012 le energie rinnovabili valevano circa il 14% della richiesta mondiale di energia ma si prevede che nel 2030 arrivino a soddisfare almeno il 22% del fabbisogno energetico mondiale, rubando terreno a petrolio e carbone. In Italia la produzione energetica delle rinnovabili è in crescita e nel 2014 ha registrato un +6,6% rispetto all’anno precedente.

20151906-Fonti-Energetiche

 

Fonte: Il Sole 24 ore

Data: Giugno 2015

Leggi l’articolo

Leggi anche l’articolo Petrolio, fonte primaria di energia in Italia fino al 2018



Articoli correlati

La Commissione Europea propone un “new deal” per i consumatori del mercato dell’energia

Il pacchetto proposto è un passo importante verso l’attuazione della strategia per l’unione energetica europea e si accompagna ad una

Fotovoltaico fonte più economica di energia in UE a partire dal 2030

Ormai è certo, con 100 GW di capacità fotovoltaica cumulata l’Europa è sempre più fotovoltaica, nonostante il calo di nuove

Le imprese italiane per la Cop21

Dalla redazione di Canale Energia, articolo scritto da Ivonne Carpinelli «Il 24,5% delle imprese italiane ha effettuato eco-investimenti tra il