Eolico e solare potrebbero far fiorire il deserto del Sahara in più di un modo

Eolico e solare potrebbero far fiorire il deserto del Sahara in più di un modo

Le installazioni di energia rinnovabile come turbine eoliche o pannelli solari costituiscono una parte importante nella lotta ai cambiamenti climatici, fornendo energia che non richiede la combustione di combustibili fossili.

Ma i modelli hanno dimostrato che grandi centrali solari o eoliche potrebbero anche cambiare il clima grazie alla loro presenza diretta.

Ora, un gruppo di scienziati guidati da alcuni ricercatori dell’Università del Maryland e dell’Università dell’Illinois ha deciso di provare a modellare cosa accadrebbe se nel deserto del Sahara venissero installati impianti solari ed eolici abbastanza grandi per alimentare il pianeta. Hanno così scoperto un cambiamento del clima che potrebbe aiutare concretamente, certamente di più di quanto non potrebbe far male.

I risultati, pubblicati su Science, hanno rilevato che le installazioni aumenterebbero le precipitazioni e la vegetazione nel Sahara e nella vicina regione del Sahel, che si trova tra il Sahara e la savana del Sudan, rendendole entrambe aree potenzialmente positive per la regione e il pianeta.

“L’aumento delle precipitazioni e della vegetazione, combinato all’elettricità pulita come risultato dell’energia solare ed eolica, potrebbe aiutare l’agricoltura, lo sviluppo economico e il benessere sociale nel Sahara, nel Sahel, nel Medio Oriente e in altre regioni vicine”, ha scritto l’autore Safa Motesharrei dello studio in un comunicato stampa dell’Università dell’Illinois pubblicato da ScienceDaily.

I ricercatori si sono concentrati sul Sahara perché è il luogo ideale per un programma di energie rinnovabili di tale portata.

Fonte: Eco Watch

Data: Ottobre 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticoimpattirinnovabili

Articoli correlati

Alaska, la Shell stoppa le esplorazioni di gas e petrolio: “risultati deludenti”

La Shell ha posto termine ai lavori di esplorazione dei fondali marini al largo delle coste dell’Alaska, perlustrati dalla compagnia

Nel 2016, clima e migrazioni sono i rischi maggiormente temuti

Il cambiamento climatico, o meglio l’incapacità di prendere radicali misure per affrontarlo da parte delle potenze della terra, è oggi

Non c’è domani

Video animato sulla storia del petrolio, dell’energia e della crescita futura Fonte: Incubatorpictures Data: Febbraio 2012 In lingua inglese