Fotovoltaico, 94mila nuovi posti di lavoro in Europa in 4 anni

Fotovoltaico, 94mila nuovi posti di lavoro in Europa in 4 anni

Nel 2016, il settore fotovoltaico nell’Unione Europea a 28 ha dato lavoro a più di 81 mila dipendenti equivalenti a tempo pieno (Fte) e ha generato un valore aggiunto (Gva) pari a oltre 4.600 milioni di euro. Questo nonostante il settore sia stato messo alla prova in termini di capacità installata e fatturato a partire dal biennio 2011-12 data in cui si è iniziato a registrare un calo della nuova potenza installata rispetto agli anni del boom (2007-2011). Lo attesta il nuovo report “Solar PV Jobs & Value Added in Europe” pubblicato da SolarPower Europe Association, organizzazione che rappresenta in Europa le aziende, i professionisti e tutti i soggetti che lavorano lungo la catena del valore del solare fotovoltaico.

Ambiente, clima e lavoro: un’alleanza a somma positiva

81 mila dipendenti equivalenti a tempo pieno (Fte), circa tre volte tutti i dipendenti di Eni nel mondo, e un valore aggiunto (Gva) pari a oltre 4.600 milioni di euro, sono i numeri del settore fotovoltaico nell’Unione Europea a 28 per il 2016. I dati parlano chiaro, il settore genera occupazione e dà ossigeno all’economia.

Il fotovoltaico sta dimostrando di poter essere una delle strade più promettenti per trovare soluzioni non solo ai problemi legati al cambiamento climatico e all’inquinamento ma anche a quelli del lavoro e della crescita economica.

I posti di lavoro diretti e indiretti creati dall’industria del fotovoltaico nell’Europa a 28 e le previsioni per il 2021 (Fonte: SolarPower)

Dal 2018 è attesa una nuova crescita dei posti di lavoro nel fotovoltaico

Fino al 2011-2012, in Europa si era assistito a uno sviluppo veloce e consistente del fotovoltaico. Nel 2008, il settore impiegava circa 250 mila dipendenti e generava un Gva pari a 15.700 milioni di euro. Una crescita costante che si è interrotta negli anni seguenti ma che SolarPower ritiene riprenderà vigore dal 2018 in poi. Entro il 2021, infatti, si stima che il settore toccherà i 174.700 occupati a tempo pieno per un valore di 9.500 milioni: un aumento rispettivamente del 145 e del 105 per cento rispetto ai valori registrati dai due indici nel 2016.

Andamento e previsioni elaborati dalla SolarPower Europe Association della capacità cumulata installata (MW) nell’Europa a 28 (Fonte: SolarPower)

Previsioni dunque ottimistiche che riflettono le attuali condizioni di mercato, in particolare gli effetti positivi dovuti a una riduzione dei costi dei sistemi solari fotovoltaici che non ha raggiunto ancora i minimi in Europa oltre a una crescita della domanda di energia pulita sempre più dinamica.

I posti di lavoro diretti e indiretti che la crescita del fotovoltaico porterà nel mercato del lavoro dell’Europa a 28 tra il 2016 e il 2021 (Fonte: SolarPower)

Fonte: Lifegate

Data: Gennaio 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
fotovoltaicoimpattilavorosolare

Articoli correlati

La battaglia dei led l’Europa rinvia al 2018 le lampade ad alto consumo

Slitta di due anni la messa al bando delle lampadine ad alto consumo. Il pressing dei produttori. Il passaggio avrebbe

Intervista a Michele Appendino: perché ho creato Behind Energy

Pubblichiamo l’intervista di Michele Appendino, presidente di Behind Energy, apparsa su Entrepreneur Country Global. Michele Appendino founded AME ventures in

Programma di investimenti dell’Ue: € 100 miliardi per il nucleare?

Secondo quanto riporta il servizio di radiodiffusione tedesco ARD, le centrali nucleari sono incluse nella lista dei progetti preliminari del