La Cina è la migliore e la peggiore speranza per l’energia pulita

La Cina è la migliore e la peggiore speranza per l’energia pulita

A Katowice, in Polonia, delegati di tutto il mondo si sono riuniti per discutere su come ridurre le emissioni di gas serra. L’intento è quello di raggiungere gli obiettivi emersi dal summit sul clima delle Nazioni Unite 2015 a Parigi. Ma quest’anno c’è un nuovo ‘top dog’ al tavolo.

Gli Stati Uniti, guidati da un Presidente che non crede nel cambiamento climatico e agli scienziati che lo studiano, passeranno in secondo piano. Nel frattempo la Cina, con la sua massiccia economia e il crescente settore dell’energia verde, è diventata il leader mondiale del clima.

Potrebbe sembrare una buona cosa se non fosse per un paio di problemi. La Cina è il più grande produttore di carbonio del mondo e le sue emissioni non inizieranno a rallentare se non fra diversi anni. I leader cinesi stanno anche esportando energia sporca in tutto il mondo attraverso il loro programma di sviluppo ” belt and road”, che sta stimolando la crescita economica in tutta l’Africa e nel Sud-Est asiatico. Il boom nella costruzione di centrali a carbone ha accompagnato la crescita economica in luoghi come Vietnam, Pakistan e Kenya, per esempio.

Fonte: Wired

Data: Dicembre 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
Cinapolitiche energeticherinnovabili

Articoli correlati

Forte crescita delle rinnovabili a livello mondiale nel 2015, ma l’Italia non segue il trend

di Cecilia Bergamasco L’Italia torna a giocare un ruolo “marginale” nello sviluppo delle rinnovabili. A fronte di un 2015 da

In Europa, compagnie petrolifere più attente ai temi green

Le compagnie petrolifere e del gas europee investono più delle competitor americane in fonti di energia pulita e sono più

Svezia: inaugurata la prima strada elettrificata del mondo

Dalla redazione di Canale Energia. Due chilometri di lunghezza, 35 partner coinvolti, un costo complessivo di circa 13 milioni di