La Cina frena su nuove centrali elettriche a carbone

La Cina frena su nuove centrali elettriche a carbone

Dalla redazione di Canale Energia

La Cina ha presentato in questi giorni un piano che prevede lo stop alla realizzazione di nuove centrali elettriche a carbone. La costruzione di impianti già approvati sarà, inoltre, rinviata  al 2018. È quanto ha annunciato in questi giorni dall’Amministrazione  nazionale per l’Energia lo sviluppo nazionale e la Commissione per le riforme.

Questo si tradurrà, come riporta il NY Times che dà la notizia, nell’impossibilità di completamento della realizzazione di 200 generatori di energia a carbone. La potenza che questi impianti sarebbero stati in grado di produrre si attesta intorno a 105 GW. Durante lo scorso anno, inoltre, Pechino ha promosso ingenti investimenti nella produzione di energia eolica e solare per ridurre l’impiego del carbone.

Un passo importante per un Paese in cui le centrali a carbone hanno rivestito per decenni un ruolo rilevante nella crescita economica e hanno reso la nazione uno dei maggiori responsabili delle emissioni di gas serra a livello mondiale. Tuttavia il provvedimento non blocca progetti già in costruzione, che “ammontano a circa 190 GW di nuova generazione elettrica a carbone”, come afferma Lauri Myllyvirta, attivista di Greenpeace International.

 

Fonte: Canale Energia

Data: Maggio 2016

Leggi l’articolo



Articoli correlati

Entro il 2022, un’auto elettrica sarà più conveniente di una convenzionale

Entro il 2022, sarà più conveniente possedere un’auto elettrica piuttosto che un’auto convenzionale, almeno secondo una nuova ricerca. Il crollo

15 anni di trasporti europei e una sola certezza: il dominio dell’automobile

In queste settimane in cui la maggioranza delle città è rimasta stretta nella morsa dell’inquinamento atmosferico e delle polveri sottili

Inquinamento, la Pianura Padana è peggio della Terra dei Fuochi

Non c’è bisogno di scomodare i sessantamila decessi in più del 2015 e nemmeno i blocchi del traffico decisi da