La domanda di petrolio sta per raggiungere il suo punto massimo

La domanda di petrolio sta per raggiungere il suo punto massimo

Il picco della domanda mondiale di benzina si realizzerà entro i prossimi 13 anni grazie all’impatto delle auto elettriche e di motori più efficienti. È questo il risultato di alcune previsioni realizzate da alcuni esperti di energia.

Wood Mackenzie, nel Regno Unito, ha dichiarato di prevedere che l’adozione di veicoli elettrici ridurrà in modo significativo la domanda di benzina, in particolare dopo il 2025, quando le auto a batteria saranno la maggioranza.

Lavorando sul fatto che i costruttori automobilistici costretti dalla normativa a produrre modelli più efficienti, ossia che utilizzano la stessa quantità di carburante per percorrere più chilometri degli attuali, un nuovo report degli analisti suggerisce che è probabile che il picco della domanda globale di benzina venga toccato entro il 2030.

Il Regno Unito e la Francia hanno recentemente affermato di voler eliminare entro il 2040 le vendite di automobili nuove a benzina e diesel. La Cina, il più grande mercato automobilistico mondiale, sta pensando ad una mossa simile che avrebbe un impatto significativo sulla domanda petrolifera.

Dei 96 milioni di barili di petrolio consumati globalmente ogni giorno, 60 milioni sono destinati al trasporto e sono questi quelli che Wood Mackenzie prevede saranno fuori entro il 2030.

picco domanda petrolio

Alan Gelder, analista senior di Wood Mackenzie, ha dichiarato che le onde nel mare della benzina potrebbero incresparsi molto prima, visto che le stesse compagnie petrolifere hanno spostato i propri investimenti sulle raffinerie mentre diminuisce il numero delle stazioni di servizio.

“Stiamo diventando sempre più efficienti nell’usare la nostra energia. Mano a mano che le economie crescono, facciamo meno affidamento sul petrolio e, pertanto, il significato di questo combustibile nell’economia globale dovrebbe diminuire nel tempo”, ha detto Gelder.

Fonte: The Guardian

Data: Ottobre 2017

Leggi l’articolo



Articoli correlati

Dopo il disastro della Deepwater Horizon il fracking offshore

Secondo un rapporto  del Center for Biological Diversity (CBD) che si basa su documenti federali usa, dopo il disastro petrolifero

L’industria delle rinnovabili inizia a fare i conti con la geopolitica

L’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA) – un ente che conta come membri oltre 150 governi – ha istituito

PetrolTrump nomina Tillerson, il numero uno della Exxon, segretario di stato Usa

Donald Trump, Vladimir Putin e Rex Tillerson di ExxonMobil. Ecco a voi il trio che può mettere a rischio la Terra. Il presidente eletto